[AGGIORNATO IL 20/12/2017]

A partire più o meno dall’inizio di Settembre 2017, se ti sei trovato a installare Google Analytics oppure il tracciamento delle conversioni di Google AdWords, avrai notato una “leggera” differenza nello snippet di codice.

Si tratta del nuovo Global Site Tag per Analytics e Adwords, il gtag.js, che puoi trovare andando su:

  • su Google Analytics, in Amministrazione > Proprietà > Informazioni sul monitoraggio > Codice di Monitoraggio

global site tag google analytics

  • in Adwords, quando crei una nuova conversione o imposti il Remarketing.

Questo è successo anche in risposta all’Intelligent Tracking Prevention introdotto da Apple, per aiutare a mantenere un conteggio più preciso delle conversioni.

Ma in pratica il nuovo Global Site Tag vuole supportare gli strumenti di tracking di Google, gestendoli in modo unificato con un solo snippet di codice. Ancora in versione beta, adesso ingloba Analytics e AdWords ma si pensa che presto comincerà a supportare sempre più tool di casa Google.

Al momento, nello stesso Tag puoi decide di installare solo Google Analytics oppure anche le conversioni di Google AdWords se aggiungerai entrambe le stringhe, in questo modo:

<script>
 window.dataLayer = window.dataLayer || [];
 function gtag(){dataLayer.push(arguments)};
 gtag('js', new Date());

gtag('config', 'GA_TRACKING_ID');
gtag('config', 'AW-XXXXXXXXX');
 </script>

 

dove al posto di GA_TRACKING_ID devi inserire il tuo ID di Analytics e al posto di AW-XXXXXXXXX l’ID dell’account AdWords.

Non noti niente di familiare?

Il nuovo snippet è strutturato come il nostro caro vecchio Data Layer di Google Tag Manager 😀 può essere quindi utilizzato per pushare informazioni, eventi e, in futuro, gestire le librerie JavaScript dei vari prodotti Google.

Ma… cosa è cambiato realmente? E qual è il motivo per cui dovresti considerare il cambiare il Tag?

1) invia automaticamente il pageview, senza esplicitarlo.

2) codifica automaticamente Categoria, Azione ed Etichetta degli eventi.
Attenzione però, è sempre possibile utilizzare eventi “classici” ma nella documentazione ufficiale si parla di parametri generici.

gtag('event', 'event_name', {   
// Event parameters   
'parameter_1': 'value_1',   
'parameter_2': 'value_2',   
// ... 
});

 

dove ‘parameter_1’ può essere ‘event_category’, ‘parameter_2’ può essere ‘event_action’, ecc.

3) gestisce più proprietà di Google Analytics con estrema facilità, e ti dirò di più, nel caso tu voglia inviare un evento a più proprietà ti basterà scrivere

gtag('event', 'purchase', {'send_to': ['UA-1234567-1', 'UA-1234567-2']});

 

In più, sembra che chi installerà il nuovo Tag potrà beneficiare di nuove funzionalità che non saranno invece disponibili per il vecchio analytics.js.

E se uso Google Tag Manager? Che succede?

Nulla! Anzi, ti dirò di più: il gtag.js è stato probabilmente pensato nell’ottica in cui Google Tag Manager prenderà sempre più piede, per cui se utilizzi GTM sei anzi facilitato nella migrazione 🙂 farà tutto in backend il template predefinito per l’installazione del Tag Universal Analytics di GTM.

Se stai utilizzando ancora il vecchio Tag di Google Analytics e l’hai installato con GTM, non devi preoccuparti: non cambierà nulla nell’impostazione dei Tag che hai già implementato.

Ti consiglio solo, in quel caso, di implementare il nuovo Conversion Linker Tag.

tag linker conversioni google tag manager

…e se invece ho installato i Tag a mano?

La faccenda si fa un po’ più complicata se NON hai installato i tuoi snippet di codice GA e Adwords con Google Tag Manager, ma hai deciso in principio di farlo a mano (eh, io ti avevo avvisato che era meglio usare GTM, ma tu hai voluto fare di testa tua, quindi fatti tuoi 😛 ).

In quest’altro caso, per evitare pasticci nei tracciamento di eventi e conversioni, è meglio passare al nuovo gtag.js. Questa decisione ti permetterà di avere anche un’attribuzione delle conversioni più precisa e di far “comunicare” fra di loro Google Analytics e Google Adwords (se hai già sentito parlare di modelli di attribuzione sai a cosa mi riferisco).

Alla prossima e… Buon Tag!

Condividi anche tu Google Tag Manager!
  • Reply

    roberta

    08 11 2018

    Ciao Matteo,
    secondo te ha senso a questo punto rimuovere dall’html il vecchio codice analytics e inserirlo poi con il tag manager in modo che in futuro non c’è più “bisogno” di metter mano all’html?
    Grazie
    Roberta

    • Matteo Zambon

      12 11 2018

      Ciao Roberta, assolutamente sì! Anzi te lo consiglio e ovviamente ti consiglio di usare solo GTM 🙂

  • Reply

    blackholesun

    25 10 2018

    io ho già questo tag

    mi hanno chiesto di inserire

    possono convivere sullo stesso sito?
    se si quello che devo inserire con il tag “Remarketing Google Ads”?

    • Matteo Zambon

      26 10 2018

      Ciao Roberta, corrispondono al tag di GA e al Tag di Remarketing Google Ads su GTM. Quindi o riesci a far installare lo script vecchia maniera, oppure (come ti consiglio io) utilizza GTM con i due rispettivi Tag.

      Fammi sapere, a presto!

  • Reply

    Karim

    13 03 2018

    Ciao Matteo,
    grazie della tua disponibilità.

    Il sito è attivo (con il gtag installato e i dati demografici attivati) da un paio di mesi. Ho avuto circa 50 visite da allora.
    Come ti ho accennato il codice js (preso dalla dashboard di analytics), l’ho incollato subito dopo il tag di apertura.

    Come da tuo suggerimento ho installato il plugin google tag assistant in chrome e ho controllato le impostazioni.
    Mi appaiono due tag:
    1) uno è il global site tag (gtag.js). È verde e non ha problemi.
    2) l’altro è il google analytics. È blu e mi dice che l’implementazione non è standard.
    Leggendo l’help in linea e seguendo le azioni da intraprendere per risolvere l’errore mi porta al tag manager, ma questo mi risulta strano perchè non ho mai usato il tag manager.

    Cosa mi consigli di controllare?
    Come mai mi ritorna due tag quando in realtà ho fin dall’inizio usato solo il gtag?

    Grazie,
    Karim

    • Matteo Zambon

      14 03 2018

      Ciao Karim, da quello che mi dici sembra che tu abbia una doppia installazione di Google Analytics. Se hai il Global Site Tag, non hai bisogno dell’altro codice (quello segnalato in blu da Tag Assistant). Controlla che non ci sia un codice di Google Tag Manager all’interno del sito (nella sezione e nell’ )! Fammi sapere 🙂

    • karim

      14 03 2018

      Ciao Matteo,
      ho controllato, ho un solo codice di monitoraggio Google analytics.
      Nel pannello “Google Analytics Suite” peraltro ho solo accounts analytics e nessun account Tag Manager

      Se riesco, ti mostro il codice preso dalla dashboard e incluso nel mio sito:
      script async src=”https://www.googletagmanager.com/gtag/js?id=UA-xxx-x” – end_script
      script
      window.dataLayer = window.dataLayer || [];
      function gtag(){dataLayer.push(arguments);}
      gtag(‘js’, new Date());
      gtag(‘config’, ‘UA-xxx-x’);
      end_script

      Può essere che ci sia un malinteso e che uno dei due codice deve essere rimosso?
      Grazie

    • Matteo Zambon

      14 03 2018

      Ciao Karim,
      a volte sono dei “falsi positivi” l’importante è verificare se l’hit viene visto sotto la sezione di GA tempo reale. Come hai inserito il codice è ok quindi non ci sono problemi.

    • karim

      14 03 2018

      Si, l’hit test funziona correttamente.
      Può essere che google non riesca a risalire ai dati demografici dei miei visitatori?
      Ho un modo di testarlo? (magari visitando io stesso il sito?)

    • Matteo Zambon

      14 03 2018

      Ciao Karim, ti dire di usare Google Tag Manager e dimenticarti di gtag. Comunque per farlo ti basta usare questo:

      gtag('config', 'GA_TRACKING_ID', { 'allow_display_features': true });

      A presto!

  • Reply

    Karim

    09 03 2018

    Ciao Matteo,
    io uso il gtag.js e ho attivato i rapporti “Dati demografici e Interessi”.
    Ho copiato pari pari la stringa js nel mio sito ma la panoramica dei dati demografici continua ad essere vuota.

    Da quello che mi sembra di aver capito, una volta abilitato nelle impostazioni non devo apportare modifiche al codice gtag, corretto?
    Non ho ancora molte visite pensi che possa dipendere da questo?
    Dove posso verificare che il tutto sia impostato correttamente?

    • Matteo Zambon

      12 03 2018

      Ciao Karim, se hai appena abilitato i dati demografici, dovresti aspettare almeno 48 prima che google analytics inizi a raccogliere i dati 🙂 Tag Assistant cosa ti dice? È installato correttamente il gtag.js?

  • Reply

    Michele

    01 02 2018

    Matteo, sto per inserire il tag di remarketing con tagmanager, ma ho un dubbio di fondo.
    Essendo un sito multidominio e multilingua basterà inserire un unico tag globale per far sì che gli utenti francesi es. vedano i banner delle campagne adwords in francese?
    Ci pensa Google a smistare le lingue e fornire le pubblicità giuste?

    Grazie

    • Matteo Zambon

      02 02 2018

      Ciao Michele!

      Userai il tag di remarketing adwords o analyitcs? In ogni caso dovresti dire tu ad AdWords il target a cui far vedere la pubblicità 🙂

  • Reply

    Danilo

    29 11 2017

    Ciao Matteo,
    ma quindi per implementare il remarketing display con analytics che con il codice GA Universal si faceva con la riga
    ga(‘require’, ‘displayfeatures’)
    come bisogna fare con il nuovo codice ?

    • Matteo Zambon

      29 11 2017

      Ciao Danilo,

      lo puoi fare con Google Tag Manager 😉 ti basta andare sul tag di Google Analytics, abilitare l’override e mettere come “true” nella sezione “Pubblicità”. Se invece vuoi utilizzare analytics, ti basterà andare sulle impostazioni di proprietà e abilitare “Abilita rapporti Dati demografici e Interessi”. Nessuna modifica di codice 😉

Hai ancora qualche dubbio?
Chiedi pure qui sotto, sarò pronto a risponderti!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.