Come per Facebook Pixel Helper e Tag Assistant, Microsoft ha creato un’estensione ufficiale per Chrome che verifica il corretto funzionamento dei Tag di Bing. L’estensione è scaricabile dallo store ufficiale di Chrome: https://chrome.google.com/webstore/detail/uet-tag-helper-by-bing-ad/naijndjklgmffmpembnkfbcjbognokbf Ecco un breve video che mostra l’utilizzo dell’estensione Ecco la guida ufficiale di microsoft: https://help.bingads.microsoft.com/#apex/3/it/56775/2

Apache HTTP Server o semplicemente Apache (si pronuncia Apaci) è una piattaforma server Web creata e sviluppata da Apache Software Foundation. Questa piattaforma permette la gestione di ricezione e risposta di un server Web. È configurabile in diversi sistemi operativi tra cui Unix/Linux e Windows. È paragonabile ad IIS di Microsoft (Internet Information Service) che invece lavora nativamente in ambienti windows. Attualmente è la piattaforma di server web più diffusa

Il Measurement Protocol (ovvero il protocollo di misurazione) è il mezzo attraverso il quale vengono inviati i dati in Google Analytics. Non è altro che una richiesta HTTPS tramite GET o POST (consigliato). In questa richiesta vengono passati altri dati tra cui il payload_data. Il payload_data non è altro che il contenuto del messaggio codificato con URI encode ed il valore massimo è di 8 KB (ovvero 8192 bytes). Se

Ghostery è un’estensione di Chrome (che puoi scaricare qui) che permette al browser di non essere tracciato da script di tracking e pixel. Ghostery vede il web “invisibile” e rileva tracker, web bug, pixel e beacon presenti su pagine web e inseriti da Facebook, Google e da più di 500 altre reti pubblicitarie, fornitori di dati comportamentali ed editori web: tutte aziende interessate alle tue attività. L’utilizzo di questa estensione

Zopim Live Chat è un servizio reso disponibile da Zendesk, azienda specializzata nel software per customer service e customer care. Zopim Live Chat è un software di chat installabile su qualsiasi sito web. Sicuramente ti sarà capitato di vedere già numerosi siti che adottano Zopim Live Chat: è facile notarlo perché molto spesso la chat è identificata da un rettangolo colorato ed angoli smussati posto alla base della pagina, a

Le API (Application Programming Interface) sono interfacce di programmazione, utilizzate per interagire con altri programma ed espanderne le funzionalità. Per API si intendono le librerie software disponibili per un determinato linguaggio di programmazione. Esse possono essere diffuse dalle software house, come Google AdWords o Facebook Ads, per facilitare il lavoro degli sviluppatori di applicazioni specifiche per queste piattaforme. In altre parole le API estendono alcune funzionalità delle piattaforme rendendoli quindi integrabili

In Google Analytics esistono molte proprietà configurabili. In particolare per misurare la velocità di caricamento delle pagine, Google Analytics utilizzo la proprietà siteSpeedSampleRate. Questa proprietà è configurata di default all’1%, questo significa che effettua un campionamento statistico prendendo i dati di 1 visitatore su 100. Si hai capito bene. Uno su cento. Uno. Assurdo no? Questo comporta che nei vari report che trovi sotto la voce Comportamento ► Velocità sito

Lo scraping, o più nel dettaglio lo Web Scraping, è un termine inglese che identifica l’estrapolazione di dati attraverso tecniche o sistemi software. “Ok non ho capito, puoi parlare potabile?” Proviamo con un esempio. Hai una pagina web, facciamo finta che sia un e-commerce. Nella pagina che stai visualizzando c’è il dettaglio di un articolo dove è ben visibile il prezzo: 35,99€. Bene. Facciamo sempre finta che tu, per qualche

Con molta probabilità avrai già sentito parlare del circuito di Google AdSense, ovvero la piattaforma dove è possibile guadagnare attraverso i banner pubblicitari. In sostanza se sei proprietario di un sito web puoi offrire uno spazio all’interno delle tue pagine e permettere al circuito di Google AdSense di inserire banner pubblicitari. In cambio di cosa? Di un benefit economico! In pratica Google ti paga se gli utenti cliccano quei banner.

La grande novità introdotta il 29 Agosto 2016 (oltre all’aggiornamento dell’interfaccia in stile material design) sono le Aree di Lavoro (Workspace nella versione inglese). Di cosa si tratta? La possiamo descrivere come una funzione adatta nelle casistiche in cui ci sono più agenzie (o semplicemente più utenti) che devono utilizzare GTM per lo stesso sito/app. Di default quando crei un contenitore ti viene associata un’area di lavoro dove puoi creare