Per monitorare il comportamento degli utenti in un sito web, è utile impostare degli Eventi oltre che degli Obiettivi. Grazie agli Eventi di Google Analytics potrai monitorare se gli utenti svolgono determinate azioni che dovrebbero dirci di più sul loro interessamento ai contenuti del sito. Gli Eventi possono rappresentare qualsiasi comportamento degli utenti, che sia un click su un link, uno scroll su una determinata pagina, una visualizzazione di pagina

Per tracciare determinati comportamenti degli utenti sul tuo sito puoi impostare degli obiettivi in Google Analytics. La realizzazione di una determinata azione, oggetto dell’obiettivo, è chiamata conversione. Un obiettivo può essere quindi rappresentato da un acquisto ma anche da una richiesta di contatto, dalla visita di una determinata pagina, eccetera. Grazie agli obiettivi è possibile avere importanti informazioni sulle performance del sito web. Analizzando le conversioni si possono infatti apportare delle modifiche per

In Google Analytics è possibile creare metriche e dimensioni personalizzate. E’ possibile creare fino a 20 metriche e dimensioni personalizzate con l’account gratuito di Google Analytics, nella versione premium sono 200. Con le dimensioni puoi inserire valori di tipo “testuale”, mentre nelle metriche sono tipicamente numeri o date. Se ci pensi bene lo stesso Google Analytics si basa su questi due mattoni. Per definire una metrica ti basta accedere in

Google Universal Analytics è la versione successiva a Google Analytics “classico”. Tra le funzioni innovative possiamo elencare: Possibilità di tracciare dispositivi grazie alla SDK per iOS e Android. Gestione dell’User ID che permette di identificare in modo univoco un utente attraverso un tracciamento multidevice. Il Measurement Protocol che permette attraverso HTTP di passare dati in Google Analytics. Potrai quindi far comunicare qualsiasi dispositivo connesso alla rete, integrando i dati in

In Google Analytics è presente una variabile denominata Client ID. Questa variabile contiene un valore che viene generato in modo casuale da Google Analytics e viene associata in modo univoco ad una istanza di dispositivo/browser dell’utente che naviga. In mancanza dello User ID, il Client ID è l’unico valore che permette di far capire a Google Analytics quali sono gli utenti univoci. Il Client ID viene salvato in un Cookie

Con l’avvento di Google Universal Analytics è arrivato lo User ID. Grazie a questa nuova variabile è possibile collegare lo stesso utente (ID) a dispositivi diversi. In soldoni significa che puoi tracciare l’utente che la mattina si collega con lo smartphone e poi con il tablet e poi con il pc. Inoltre è possibile unificare anche le sessioni. Andiamo con ordine. Per impostare lo User ID devi prima andare nella

Il Cookie è un file che viene fisicamente scaricato dal browser nel dispositivo (pc, tablet, smartphone ecc). Il file è tipicamente testuale e al suo interno contiene delle informazioni per permettere di gestire certe azioni. L’esempio più banale è la memorizzazione dell’utente e password, così da non immettere più questi valori nel form di login. Un altro esempio è Google Analytics che tiene traccia degli utenti. In questo modo si

Hit Builder è un tool ufficiale di Google gratuito che permette di simulare le richieste usando il Measurement Protocol. Per poterlo utilizzare si dovrà concedere i permessi all’account di Google Analytics. Ecco il link: https://ga-dev-tools.appspot.com/hit-builder/ Oltre quindi a dare l’accesso a Google Analytics è possibile gestire i parametri ovvero: versione, tipo di hit, l’id di Google Analytics, e il client id. Altri parametri opzionali sono: dr, dp, qui trovi tutti

Il Measurement Protocol è un canale per inviare degli hit in Google Analytics da qualsiasi dispositivo connesso ad Internet. Il Measurement Protocol utilizza il protocollo HTTP (sia POST che GET) per passare i dati in Google Analytics utilizzando il payload data. Attualmente è nella versione 1 ed è nato con Universal Analytics. Ecco un esempio di sintassi: v=1&tid=UA-123456-2&cid=36009a59-2a05-49e7-b826-2b884d0f935b&t=pageview&dp=%2Fhome I valori in grassetto sono i parametri che vengono gestiti. Esiste un

In Google Analytics è possibile creare metriche e dimensioni personalizzate. Con l’account gratuito di Google Analytics è possibile crearne fino a 20, mentre nella versione premium sono 200. Con le dimensioni puoi inserire valori di tipo “testuale”, mentre nelle metriche tipicamente numeri o date. Se ci pensi bene lo stesso Google Analytics si basa su questi due mattoni. Per definire una dimensione ti basta accedere in Google Analytics: Amministrazione -> Definizioni