[Aggiornata 07/06/2017]

Dopo aver capito cosa (diavolo) è Google Tag Manager e aver creato il tuo primo account iniziamo ad usarlo seriamente!

La prima integrazione solitamente da fare è l’inserimento dello snippet di Google Analytics.

Cosa serve per l’implementazione

Per l’implementazione ti servono solamente 2 cose:

  1. Codice UA (solitamente UA-XXXXXX-X)
  2. Google Tag Manager installato sul sito

Se non sai o non ti ricordi come prendere il codice Analytics ecco come trovarlo:
Google Analytics > Amministrazione > Informazioni sul monitoraggio > Codice di monitoraggio

guida implementazione google analytics

Implementiamo Google Analytics con un Tag dedicato

Prima di passare direttamente a come generare un tag per Google Analytics ti spiego come creare una costante, così non dovrai ricordarti ogni volta quel maledetto codice UA-XXXXXX-X.

Ecco gli step per creare una costante:

  1. Dal menù a sinistra dentro Google Tag Manager vai su Variabili
  2. Vai in fondo alla pagina e crea una nuova variabile definita dall’utente cliccando il pulsante “Nuova”
  3. In Configura Variabile seleziona il tipo “Costante
  4. Inserisci il codice UA e imposta un nome. Io personalmente uso una nomenclatura standard: gaID.

costante analytics google tag manager
Per agganciare Analytics a Google Tag Manager ti basterà creare un Tag andando sul menù Tag e cliccare “Nuovo“.

A questo punto dovresti scegliere il tipo di prodotto Universal Analytics.
tag universal analytics google tag manager

Successivamente scegli “Visualizzazione di Pagina” come Tipo di monitoraggio: in questo modo il tag si attiva ogni volta che la pagina viene visualizzata.

A questo punto hai due scelte:

  1. Vai ad inserire la Variabile di Analytics che dovresti avere precedentemente creato in Impostazioni di Google Analytics (la mia si chiama {{Pageview Base}} ). In questa guida ti spiego come impostarla.tag analytics con variabile ga in google tag manager
  2. Puoi fare Override spuntando “Abilita l’override delle impostazioni in questo tag”. Se scegli questa possibilità allora dovrai inserire il tuo codice UA su ID Monitoraggio. Puoi farlo inserendo la costante gaID che abbiamo creato prima. Ti ricordo che potresti inserire direttamente il valore del codice di monitoraggio di Google Analytics UA-XXXXXX-X.

tag analytics override google tag manager

In questo secondo caso puoi selezionare o meno il flag relativo all’attivazione della pubblicità display. Lo trovi dentro Altre Impostazioni > Pubblicità >  Attiva le funzioni della pubblicità display > Seleziona “True”.
Questa funzione è utile per ottenere informazioni come dati demografici, interessi utili per il remarketing (che ogni buon marketer dovrebbe usare). Ricordati di implementare le giuste regole della cookie law.

attivare display nel tag analytics di google tag manager

Il penultimo passaggio che ti rimane è scegliere dove attivare il tag.
In Attivazione scegli “All Pages / Visualizzazione di Pagina”.

attivatore all pages per tag analytics google tag manager

L’ultima cosa che ti rimane da fare adesso è dare un nome “sensato” al tag (puoi rinominarlo a sinistra dove c’è scritto “Tag senza titolo”).
Personalmente ho deciso di dare sempre questa impostazione di nomenclatura ai tag, così già a una prima occhiata al nome riesco a capire cosa fa e a cosa è diretto.

Nome ServizioTipoCosa fa/Dove viene applicato
esempio: GA – NomeSito.it – PageView

Adesso puoi cliccare su Salva.

Per verificare che il Tag sia effettivamente funzionante puoi usare un’utilissima funzione di Google Tag Manager, ovvero la Modalità di Anteprima e Debug.

Ti basterà attivarla e andare sul sito, dove vedrai una finestra in basso che ti mostra i tag attivi e non attivi sulla pagina. Se vedrai il nuovo tag di Google Analytics fra i “Tags Fired On This Page” vorrà dire che il Tag è funzionante.

anteprima tag analytics google tag manager

Complimenti, ce l’hai fatta!

Bravo! Se sei arrivato fino a qui significa che hai creato correttamente il tag per Google Analytics! Non ti resta che pubblicarlo cliccando sul pulsante Pubblica in alto a destra.

Quali sono i prossimi step?

Esistono molte cose che puoi fare con Google Analytics, ecco alcune implementazioni che ti consiglio:

Buon Tag!

 

 

  • Reply

    Manuel

    18 07 2017

    Se ho già analytics attivato e lo attivo anche in TagManager, mi viene segnalato che “Same web property ID is tracked twice.” è un problema serio (tipo che mi conta a doppio le visite) oppure no?

    • Matteo Zambon

      18 07 2017

      Ciao Manuel, dovresti eliminare il codice vecchio di analytics. Dunque di fatto GA farà 2 hit che equivale che la frequenza di rimbalzo sarà sempre a 0. Quindi sì, dovresti sistemarlo ma non è un grosso problema, avrai solo dei valori sballati.

      Ti consiglio di elimiare il vecchio (e brutto) codice di GA!

      a presto

  • Reply

    Andrea

    27 02 2017

    Ciao Matteo,

    ho una domanda, non so se banale: io ho già implementato Analytics in GTM, creando anche un paio di tag, il tutto inserendo a mano il codice di monitoraggio di Analytics. Se volessi creare ora la costante con il codice di monitoraggio di Analytics, così come suggerisci tu, poi dovrei ricreare i tag che ho già sviluppato da capo, o quelli continuerebbero a funzionare? Grazie in anticipo 🙂

    • Matteo Zambon

      28 02 2017

      Ciao Andrea, nessuna domanda è banale!
      Ti basterebbe creare la costante, andare in ogni singolo Tag di GA e modificare il valore statico con la costante, eseguire l’anteprima, verificare con il debug e poi pubblicare 🙂

      Non occorre che ricrei i tag!

      A presto

  • Reply

    Piero

    10 10 2016

    Ciao Matteo, ho letto tutto il tuo blog per implementare Google Tag Manager nel mio sito con tutti i codici che utilizzo.
    Mi ritrovo però ora ad avere un problema la cui risposta non la trovo da nessuna parte.

    Il codice è tutto ok, solo che quando vado a caricare le pagine del mio sito mi esce che sia l’UNIVERSAL ANALYTICS che il CUSTOM HTML (per il Pixel Facebook) vengono caricati 4 volte perchè spunta la dicitura “Fired 4 time(s)”.
    Anche i dati in Analytics risultano sproporzionati rispetto ai valori che avevo precedentemente… sai per caso quale possa essere il problema?

    • Matteo Zambon

      11 10 2016

      Ciao Piero, il problema è sicuramente relativo all’attivatore. Come lo hai impostato? Riesci a darmi maggiori dettagli?

  • Reply

    Marco

    12 04 2016

    Ciao Matteo!

    Implementando il codice di analytics in “modo tradizionale”, avevo la possibilità di aggiungere queste due stringhe di codice

    ga(‘set’, ‘anonymizeIp’, true);
    ga(‘require’, ‘linkid’);

    Come faccio ad aggiungere utilizzando GTM?

    Ciao e grazie! 🙂

  • Reply

    FRANCESCO

    21 01 2016

    Scusami matteo, ma in GTM ho creato un attivatore che chiaramente attiva analytics al verificarsi di un certo evento (seguendo questa procedura: https://www.iubenda.com/it/help/posts/629 ).
    Chiaramente ora se volessi fare anonimizzare l’ip come mi hai suggerito tu, non lo posso più fare perchè GTM mi fa vedere solo l’attivatore e su tag non ho niente.
    Qualche idea/suggerimento ?
    Grazie

    • Matteo Zambon

      21 01 2016

      Ciao Francesco, l’impostazione di anonimizzare l’ip è sul tag di analytics, non nell’attivatore. iubenda usa semplicemente un evento per dire al tuo tag di analytics di iniziare a tracciare quando l’utente acconsente. L’impostazione che ti ho detto in precedenza è sempre valida e non va in conflitto con la regola di iubenda.
      A presto!

    • Francesco

      23 01 2016

      Ok Matteo,
      infatti prima di creare l’attivatore è necessario creare il Tag di Universal Analytics.
      Il problema è che nella sezione Tag di GTM non c’è alcun tag; esiste solo l’attivatore e se provo a cancellarlo mi dice che prima devo cancellare il TAG.
      Non è strana questa cosa ?

    • Matteo Zambon

      26 01 2016

      Ciao Francesco, se l’attivatore non è cancellabile significa che è associato ad un Tag e quindi dovresti trovare il Tag nella sezione Tag. Verifica bene altrimenti si è molto strano. Ci sono per caso utenti diversi che accedono all’account di GTM?

    • Francesco

      27 01 2016

      Ciao Matteo,
      ti giuro che benchè c’era l’attivatore mi dava la scheda tag vuota.
      Oggi invece dentro la scheda tag c’è giustamente analytics.
      Secondo me c’era qualche problema su GTM o lavori in corso.
      Grazie.

    • Matteo Zambon

      27 01 2016

      Ci credo Francesco 🙂 Meglio così, ora dovresti riuscire a fare tutto. A presto!

  • Reply

    Francesco pazzagli

    23 11 2015

    Grazie Matteo, Facci sapere quando è pronta la guida e indicaci per cortesia il gruppo su FB come si chiama.
    Grazie ancora.

    • Matteo Zambon

      23 11 2015

      Ciao Francesco! Il gruppo lo trovi sul menù del sito, lo trovi con il nome di “Fatti di Tag Manager”: https://www.facebook.com/groups/1683981325147575/
      Per quanto riguarda la guida su come implementare l’IP anonimo, non appena pronta ti invierò una segnalazione.
      A presto!

  • Reply

    Francesco pazzagli

    19 11 2015

    Ciao Matteo, per anonimizzare l’ultimo gruppo di cifre dell IP per Analytics dove bisogna agire ? Poi bisogna ripubblicare il tag ? Grazie

    • Matteo Zambon

      19 11 2015

      Ciao Francesco, ottima domanda 🙂

      In realtà è davvero semplice.

      All’interno del tag di analytics (universal analytics) devi andare su

      ► Ulteriori impostazioni
      ► Campi da impostare
      ► Aggiungi campo
      ► Nome Campo: anonymizeIp
      ► Valore Campo: true

      Ad ogni variazione di Tag, Attivatori e Variabili devi ogni volta ripubblicare la nuova versione.
      Farò una guida dove spiegherò come implementare questi valori. Grazie e buon Tag!

  • Reply

    Roberto

    27 10 2015

    Una domanda: se implemento il codice di google tag mangaer, quello standard di Analytics devo cancellarlo?

    • Matteo Zambon

      27 10 2015

      Ottima domanda Roberto!

      No, non lo devi implementare perché lo farai da Google Tag Manager, il senso è proprio questo: inserisco Tag Manager e BAM! Fai tutto dentro là.

      Ho creato la guida (a breve il video tutorial dove ti nominerò come riferimento a questo dubbio).

      Grazie per la tua domanda, se ne hai altre spara pure!

    • Roberto

      27 10 2015

      Grazie per la risposta Matteo!

Hai ancora qualche dubbio?
Chiedi pure qui sotto, sarò pronto a risponderti!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *