Guide e Glossari per Email Marketing (DEM) con Google Tag Manager

La DEM, conosciuta anche come Email Marketing, è una strategia che non può mancare nel tuo piano di marketing, per curare le tue liste di contatti inviando loro comunicazioni e promozioni dedicate e segmentate.

Gli strumenti per l’Email Marketing permettono ormai una personalizzazione sempre più precisa delle newsletter da inviare, e il tutto ha veramente un costo bassissimo rispetto ad altri tipi di campagne ;)

Ecco una lista di guide e glossari che ti torneranno utili per fare Email Marketing con Google Tag Manager :) Se qualcosa non ti è chiaro lascia un commento.

I lead non sono tutti uguali! Sembra uno slogan pubblicitario, ma è così. In quel grande calderone del Funnel, è fondamentale catalogare i lead in base al loro grado di interesse nei confronti del brand. Altrimenti i tuoi contatti sembreranno un gran fritto misto e non riuscirai a distinguere quali sono più vicini all’acquisto e quali, invece, hanno bisogno di essere ancora lavorati. Ma come si fa a catalogare i

GetResponse è un software all-in-one per la marketing automation che permette di strutturare le automazioni grazie a dei semplici drag and drop (“trascina e rilascia”). Il cavallo di battaglia di questo tool è la facilità e la rapidità con cui permette di progettare efficacemente la propria strategia di marketing. Personalmente, adoro quei strumenti che ti fanno risparmiare tempo e ti facilitano la vita. Quindi GetResponse mi sta già sicuramente simpatico 🙂

Ti stavi chiedendo come si fa a mettere sul tuo sito quei bellissimissimi popup colorati che invitano gli utenti a iscriversi alla newsletter, magari proprio mentre stanno per uscire dalla pagina? O forse invece vuoi programmarli per farli comparire dopo un certo tempo trascorso sul tuo sito? Mi sa che il tool che cerchi è proprio OptinMonster. Se sei curioso di capire come funziona, leggi il glossario 😉 Naturalmente è

Qual è il metodo più efficace per capire se i nostri prodotti o servizi piacciono agli utenti? “Mmh… è una domanda trabocchetto, Matteo?” Dai, in realtà è semplice: chiedere agli utenti di lasciare un feedback, ovvio! Ma c’è un però: scrivere un feedback testuale è un’operazione che richiede tempo (e voglia) dell’utente. E se si potesse esprimere una valutazione direttamente con una reaction? Sarebbe una figata, no? Ho una bella

Ormai, di strumenti per la Marketing Automation, siamo pieni (o no?). Però Mautic è il primo software Open Source del suo genere. Essendo un software Open Source (e non proprietario), ha la particolarità di avere l’appoggio di una community attraverso la piattaforma GitHub, che con il tempo ha sviluppato una serie di funzioni che competono con quelle proposte da altri software a pagamento. NOTA BENE: L’installazione di Mautic, nella sua versione

Tra le miriadi di funzioni di Zapier non poteva mancare l’URL Shortener. Gli URL Shortener consentono di comprimere e trasformare indirizzi web chilometrici in… link piccini picciò 🙂 Dato che grazie a questi link “ristretti” si risparmia spazio (ad esempio su Twitter) e si dà agli URL un aspetto più gradevole e meno invasivo, Zapier ha pensato bene di integrare all’interno della propria piattaforma l’URL Shorter by Zapier. Come puoi immaginare, può essere

Ok, sappiamo già cos’è Customerly e nella precedente guida ti ho spiegato come installare il suo widget con Google Tag Manager. Ma in realtà la vera chicca di questo bellissimo strumento sta in tutte le altre funzionalità che si possono configurare e manipolare. Vediamo un po’ quali sono le macro aree che andremo a gestire: parametri del widget e dell’utente (customerlySettings) attributi con cui aumentare i dettagli del nostro utente (attribute)

Marketo è uno dei principali strumenti di marketing automation (ti ho già parlato di cosa è la marketing automation nel glossario apposito, quindi non starò a dilungarmi qua 😉 ma ti consiglio di leggere per approfondire la faccenda). Fondato nel 2006, Marketo supporta diverse strategie di marketing cross-channel integrando sito web, email marketing, social media, adattandosi a funnel di conversione anche molto variegati. Il suo sistema di email marketing automation

Nel mondo del marketing esistono talmente tanti tools, ormai, da far girare la testa… tanti, troppi strumenti alle volte, e si rischia di perdere il controllo su quello che si sta facendo: CRM, tools per la lead generation e la segmentazione dei contatti, strumenti di web analytics, piattaforme di email marketing, di gestione social, creazione landing page e chi più ne ha più ne metta. A peggiorare la faccenda magari

OptinMonster è un tool che consente di gestire all’interno dei siti dei popup opt-in. What? Di che stiamo parlando? Bando ai paroloni: banalmente OptinMonster ti consente di far comparire delle finestre popup (ci sono varie forme e template fra cui scegliere) che invitano gli utenti a compiere delle azioni, tipicamente l’iscrizione alla newsletter. È stato provato che inserire questo tipo di feature riesce ad aumentare il tasso di conversione (in