PPC, Monitoraggio Conversioni AdWords, Facebook e Bing con Google Tag Manager

Google Tag Manager è un grande alleato di chi si occupa di Online Advertising ma non ha abbastanza conoscenza di programmazione per poter installare il monitoraggio delle conversioni di strumenti come Google AdWords, Facebook Ads o Bing.

Oppure semplicemente non hai l’accesso al codice del sito e quindi ogni volta che devi installare gli snippet devi chiedere al programmatore o al reparto IT di farlo al posto tuo… con conseguente perdita di tempo e – a volte – anche errori, che alla lunga fanno soltanto perdere ancora più tempo.

Risultato? La campagna è già iniziata da un pezzo e tu non stai ancora monitorando le tue conversioni! :O

Google Tag Manager può aiutarti a risolvere proprio questo problema. Ti basterà chiedere una e una volta soltanto al programmatore (o chi per lui) di installare GTM sul sito, dopodiché il gioco è fatto: mai più perdite di tempo, mai più delegare. Potrai gestire tutto tu in modo indipendente, facile e veloce (se poi segui le mie guide, sarà tutto ancora più facile e veloce, promesso :) ).

E quindi? Cosa posso fare con Google Tag Manager se mi occupo di PPC?

Tante (ma tante) bellissime cose. Qua in basso trovi tutte le mie guide sull’argomento, ma giusto per darti un assaggio, ecco alcune delle cose più fiche che puoi fare per iniziare:

  • Installare il Codice di Monitoraggio di Google AdWords
  • Installare anche il Remarketing di Google AdWords
  • Installare e gestire il Pixel di Facebook
  • Implementare il codice di Bing UET

E molto altro! Ho preparato per te anche dei glossari dove ti spiego meglio alcuni termini, nel caso non li conoscessi o volessi semplicemente approfondirli.

Bene! Ma sei ancora qua a leggere questa introduzione?
Vai subito a leggere le guide, cosa aspetti! :)

Come annunciato nei miei due webinar del 13 e del 15 marzo scorso, un enorme asteroide sta per colpire il mondo della web analytics con conseguenze disastrose sui cookie: si tratta del Cookiegeddon. Ma cos’è ‘sto Cookiegeddon? Oh, presto detto. Non è altro che una serie di regole che limitano l’utilizzo dei cookie. Naturalmente, Cookiegeddon è un nome di fantasia (ispirato al film “Armageddon” con

In questa guida ti spiegherò come implementare il codice di monitoraggio chiamata di Google Ads (ex AdWords) con Google Tag Manager. Piccola premessa: come funziona “‘sto monitoraggio di chiamata“? In pratica Google fa da proxy (o da ponte, se il termine non ti è familiare) usando dei suoi numeri di telefono. Cosa diavolo significa? Che quando l’utente preme quel numero di telefono sul sito, ad

Un maggio ricco di eventi per Google: dopo il Google I/O, si è da pochissimo concluso il Google Marketing Live 2019, il keynote annuale dedicato agli inserzionisti sull’innovazione nell’advertising online. Ecco una carrellata delle 5 novità più interessanti presentate durante l’evento. Discovery Ads Una delle news che sicuramente ha suscitato la curiosità di tutti è il lancio di Discovery Ads. Si tratta di una nuova tipologia di annuncio pubblicitario che

Se stai leggendo questa guida, è perchè probabilmente ti sei imbattuto nel Tag Linker Conversioni per il tracciamento delle conversioni Google AdWords, vuoi sapere cosa è ma soprattutto come si installa. O magari hai sentito parlare del sistema anti tracciamento di Apple Intelligent Tracking Prevention (IPT) e vuoi risolvere il problema col Conversion Linker. Ho una buona notizia per te 🙂 Il Tag Linker Conversioni si

Esattamente come per i Pixel di Facebook, Bing Ads ha la possibilità di gestire in modo dinamico le transazioni (qui trovi la guida per le transazioni di Facebook). Vediamo come gestire questi parametri con Google Tag Manager. Vedremo l’implementazione sia con un Tag di tipo HTML personalizzato, sia con il Tag specifico di Bing. Pronti? STEP 1 – Crea il codice di monitoraggio su Bing

Hai iniziato a testare Bing Ads come canale di marketing e vorresti iniziare a tracciare un po’ di conversioni? Vorresti farlo con Google Tag Manager visto la tipica semplicità di implementazione? Bene, il procedimento è davvero molto simile all’implementazione del codice di conversione Google Adwords, ma con una piccola differenza. Google Tag Manager ha reso disponibile recentemente il Tag Predefinito per Bing. Ho aggiornato questa

Fra i Tag predefiniti di Google Tag Manager esiste anche il Tag “LinkedIn Insight”: è un Tag che serve a installare il tracciamento delle conversioni per le campagne pubblicitarie Pay-per-Click e Remarketing su LinkedIn. Vediamo come fare a installarlo. STEP 1 – COPIA LO SNIPPET Innanzitutto devi recuperare la porzione di codice che LinkedIn ti suggerisce di installare sul sito per tracciare le conversioni. Entrando nella tua piattaforma di LinkedIn

Allora, prima di iniziare devi sapere che tutto si basa su fonti NON ufficiali e su mie supposizioni. Se non hai idea di cosa sia il gtm-msr.appspot.com ti consiglio di dare un occhio al glossario. Step 1 – Esaminiamo la problematica sul Pixel di Facebook Come avrai già notato, arrivano degli hit strani nel Pixel di Facebook (in realtà questo accade anche su altri strumenti

Per poter implementare, monitorare ed ottimizzare i risultati delle tue campagne Facebook Ads è necessario installare, come per Google AdWords, un codice di monitoraggio. Il codice di monitoraggio di Facebook prende il nome di Pixel di monitoraggio, ma la sua funzione non cambia. Si tratta appunto di un codice Javascript da inserire nella struttura HTML della pagina web che si vuole tracciare. Implementare il Pixel di

Bene. Se sei qui, significa che hai già implementato il Pixel di Monitoraggio di Facebook con Google Tag Manager. In molti mi hanno detto: “sì, ok, il Pixel di Monitoraggio è facile da installare… ma tutto il resto? Transazioni, aggiunta al carrello, ecc.?“. Ora te lo spiego. Partiamo da una premessa: Facebook ha una gestione di tracking abbastanza semplice da implementare e ben spiegata in