#Barbatrucchi: Guide e Tutorial Avanzati su Google Tag Manager

Google Tag Manager è uno strumento (gratuito) che ti permette di fare tantissime cose, su tantissimi livelli.

Certo, puoi utilizzarlo per installare strumenti di terze parti senza necessariamente sporcare le tue manine sante col codice di programmazione (bleah). E tutto questo è molto ma molto fico.

Però (sì, c’è un però) non finisce tutto qua. Perché il bello di Google Tag Manager è che, una volta che presa un po’ di confidenza con Tag, Attivatori, Variabili e compagnia cantante, poi puoi utilizzarlo per fare un sacco di cose fantastiche. Ma veramente fantastiche.

I #barbatrucchi™ sono tutte quelle piccole magie che Google Tag Manager ti permette di realizzare :) Da rimanere sbalorditi, giuro.

Ad esempio puoi eliminare i Ghost Referral Spam da Google Analytics, tracciare i fantasmi che usano AdBlock e Ghostery (uuuhh), impostare l’Adjusted Bounce Rate, configurare Cross Domain e Parametri UTM, e persino ottimizzare la SEO del tuo sito.

Come? Non mi credi? Leggi le mie guide e te ne renderai conto con i tuoi occhi :)

Hai già sentito parlare di HubSpot e sei capitato qui? Oh, ma allora sei proprio fortunato! Sì perché sei esattamente nel posto giusto. HubSpot offre una suite di strumenti per gestire al meglio le tue strategie di marketing, ne parlo nel glossario dedicato. Ora vediamo come installarlo attraverso Google Tag Manager. STEP 1 – RECUPERA IL TRACKING CODE DI HUBSPOT Innanzitutto, recupera lo script che

Questa non è semplicemente una guida per tracciare le ricerche interne al sito. Eh no. Perché per fare semplicemente questo, una volta tanto, Google Analytics ha già una funzione interna che va abilitata per iniziare a monitorare cosa gli utenti cercano nella barra di ricerca dentro al tuo sito (funzione molto molto utile). Per attivarla devi andare su: Amministrazione > Impostazioni viste Dove c’è scritto

In questa guida ti mostrerò come monitorare l’EEC (E-commerce Avanzato o Enhanced E-Commerce) in Google Universal Analytics sulle pagine AMP 🙂 Introduzione AMP (https://amp.dev/) è un framework HTML open source per la creazione di siti web, storie, annunci ed e-mail per l’utente al primo posto. Lanciato il 7 ottobre 2015, è stato creato da Google come concorrente di servizi come Facebook Instant Articles e Apple News. AMP è ottimizzato per

In this guide, I’ll show you how to track GA EEC (Google Universal Analytics Enhanced E-Commerce) on AMP Pages 🙂 Introduction AMP (https://amp.dev/) is an open-source HTML framework for the creation of user-first websites, stories, ads, and email. Launched on October 7, 2015, it was originally created by Google as a competitor to services like Facebook Instant Articles and Apple News. AMP is optimized for mobile web browsing and conceived for

“La scelta di aderire o meno al Club spetta ovviamente ad ognuno, ma per un professionista di questo settore è innegabile l’importanza di uno strumento fondamentale come Google Tag Manager, per cui il relativo Club rappresenta senza dubbio la risorsa essenziale per imparare ad utilizzarlo e a sfruttarlo a pieno.” Oggi voglio condividere con te la testimonianza di Corrado di Scala. Corrado, di strada, ne ha fatto davvero tanta: approdato

Mercoledì 30 Settembre sono arrivate due importantissime novità in Google Tag Manager ovvero le bulk actions e la ricerca avanzata. Ecco un breve video di spiegazione:   Cosa sono le bulk actions Questa è probabilmente una delle funzionalità che tutti gli utilizzatori di GTM desideravano a lungo. Anch’io avevo sentito questa esigenza e a dire il vero l’avevo già a disposizione già da un paio d’anni grazie all’estensione di Chrome

Fammi indovinare, stai già usando Hotjar e vorresti spingere l’integrazione con Google Analytics. Come possiamo fare? Ovviamente devi aver già configurato Hotjar con Google Tag Manager e avere a disposizione almeno una dimensione personalizzata. Devi sapere che, come per molti tool di web analytics, Hotjar utilizza un cookie per capire se sei un utente nuovo o di ritorno. Dentro alle statistiche di Hotjar è presente un valore

Chi ha detto che Google Tag Manager può essere utile solo per la Web Analytics? Quello che forse non sai è che esistono tanti (ma taaanti) trucchetti che ti possono aiutare anche se lavori nella SEO. Quali? Uuuuhh… 🙂 ne vedremo insieme alcuni.   Gestione dei dati strutturati con JSON-LD Innanzitutto cosa sono i dati strutturati? I dati strutturati sono dei markup che permettono al

“Quando mi sono iscritto inizialmente al Club, il problema principale che stavo cercando di risolvere erano le tempistiche riguardanti le implementazioni della Web Analytics, e degli strumenti di Web Analytics, su portali realizzati in tecnologie differenti.” Sono le parole di Gianluca Benucci, giovane e talentuoso web developer con una propensione per la web analytics. Gianluca intuisce subito le potenzialità del Google Tag Manager e, soprattutto, del Progetto Andromeda: la suite

Come annunciato nei miei due webinar del 13 e del 15 marzo 2019, un enorme asteroide ha colpito il mondo della web analytics con conseguenze disastrose sui cookie (almeno per come eravamo abituati): si tratta del Cookiegeddon. Ma cos’è ‘sto Cookiegeddon? Oh, presto detto. Non è altro che una serie di regole che limitano l’utilizzo dei cookie. Naturalmente, Cookiegeddon è un nome di fantasia (ispirato al