[Aggiornata il 25 Aprile 2018]

Lo scrolling di pagina è una di quelle cose che devi assolutamente tracciare. Ti permette di capire la quantità di contenuti visualizzati dall’utente all’interno del tuo sito, ma soprattutto hai la possibilità di avere una Frequenza di Rimbalzo (o Bounce Rate) più veritiera.

In questa guida ti mostrerò come utilizzare al meglio l’Attivatore “Profondità di scorrimento” in Google Tag Manager, il tutto senza scrivere una riga di codice.

STEP 1 – CONFIGURA L’ATTIVATORE

La prima cosa da fare, come in quasi tutte le guide che ho scritto, è quella di settare l’Attivatore secondo le tue esigenze. I passaggi da fare sono:

  • Entra all’interno del tuo contenitore.
  • Vai nella sezione: Attivatori.
  • Clicca su: Nuovo.
  • Seleziona l’Attivatore:“Pronfondità di scorrimento”.

Come puoi vedere, ci sono diverse impostazioni tra cui poter scegliere:

  1. Profondità di scorrimento verticale: puoi impostare l’Attivatore in modo che tracci lo scrolling verticale, e puoi decidere se tracciare in percentuali o in pixel.
  2. Profondità di scorrimento orizzontale: stessa cosa, ma andrai a tracciare lo scrolling orizzontale.
  3. Tutte le pagine o alcune: deciderai tu se attivare lo scrolling in tutte le pagine o solo quelle che ritieni più strategiche.

In questa guida per esempio ti faccio inviare a Google Analytics un evento che contenga la percentuale di scrolling di tutte le pagine, perciò ecco quello che dovrai fare:

  • Spunta l’opzione: Profondità di scorrimento verticale.
  • Nella sezione “Percentuali”, inserisci: 25,50,75,90. (puoi inserire i valori che ritieni opportuni!)
  • Attiva su: Tutte le Pagine.
  • Nomina l’Attivatore: “Scroll di Pagina”.
  • Salva.
    attivatore profondità scorrimento pagina google tag manager

STEP 2 – ATTIVA LE VARIABILI

Il prossimo passaggio consiste nell’abilitare le Variabili che ci serviranno più avanti in questa guida. In particolare, la Variabile “Scroll Depth Threshold”, ci sarà da aiuto per il Tag che andremo a creare.

  • Vai quindi in Variabili > Variabili integrate > Configura.
  • Spunta tutte le Variabili sotto la voce Scorrimento.

variabili integrate coinvolgimento utente google tag manager

Semplice, no? Non devi neanche starci a pensare 😛

STEP 3 – CREA IL TAG EVENTO

Ora andremo a creare il Tag che invierà a Google Analytics, la percentuale di scrolling da parte dell’utente e le pagine dove è avvenuto questo scroll.

  • Vai in Tag > Nuovo > Configurazione tag > Universal Analytics.
  • Tipo di monitoraggio: Evento.
  • Categoria: Scroll di Pagina.
  • Azione: {{Page Path}}.
  • Etichetta: {{Scroll Depth Threshold}}%.
  • Hit da non interazione: false se vuoi che influisca sul bounce rate, true se vuoi che NON influisca.
  • Seleziona la variabile di Google Analytics oppure abilita l’override e inserisci, nel campo ID di monitoraggio, {{gaID}} (la Costante personalizzata che corrisponde al tuo codice di monitoraggio Analytics). Oppure inserisci semplicemente il tuo codice UA di Analytics.
  • Attivatore: seleziona Scroll di Pagina.

tag evento scroll pagina google tag manager

STEP 4 – VERIFICA IL TAG

Non ti resta che verificare che tutto funzioni, grazie allo strumento Anteprima e Debug di Google Tag Manager.

verifica tag profondità scorrimento pagina google tag manager

Se visualizzi il Tag come nell’immagine, allora sei pronto per pubblicare cliccando sul pulsante blu “Invia” 🙂

Ti è piaciuta questa guida? Tracciavi già lo scrolling di pagina? Scrivimi nei commenti!

A presto e… Buon Tag!

 

Condividi anche tu Google Tag Manager!
  • Reply

    Massimo

    16 10 2018

    Ciao, ho un problema nei dati dello scroll della pagina. Ho impostato lo scroll verticale ma se vedo le stime real-time, o nell’ultima mezz’ora ho % di massimo 8%, poi 5,90 o 4,00. Questi dati sono riportati per tipo 30 articoli che vengono riportati nei dati. Secondo te c’è un problema nell’implementazione? Mi sembra strano che su 30 e oltre persone tutte non siano andate oltre l’8%. Grazie 🙂

    • Matteo Zambon

      17 10 2018

      Ciao Massimo, io direi che lo puoi capire facendo un debug. Attivi l’anteprima e vedi quando si attiva il tag e che dati passa su analytics. A naso sembrerebbe di sì.

  • Reply

    Simone

    16 10 2018

    Ciao Matteo,
    complimenti per il tuo lavoro e le tue guide!

    Vorrei chiederti un dubbio, che mi è sorto dopo aver letto questo articolo:

    Imposto tutto su Tag manager come da guida, ma poi…le statistiche dello scroll su Analytics, dove le vedo? O come posso fare per vederle?

    Grazie
    Buona giornata e buon lavoro

    • Matteo Zambon

      16 10 2018

      Ciao Simone! Li vedi sotto la voce Comportamento ► Eventi.

      A presto!

  • Reply

    Giuseppe

    06 08 2018

    Ciao Matteo,
    per prima cosa grazie per i tuoi preziosissimi articoli.

    Un dubbio: durante la creazione del tag evento va scritto {{Scroll Depth Threshold}}% o {{Scroll Depth Threshold}}50 ?
    Mi spiego meglio: devo lasciare il simbolo percentuale o creare un evento per ogni valore percentuale nell’attivatore?
    Credo vada lasciato il simbolo percentuale e basta, ma lo chiedo perché anche se il tag funziona usando l’anteprima in Google Tag Manager, Google Analytics non registra l’evento.

    Il tag l’ho creato circa un mese fa, gli eventi di scroll ci sono stati (ho settato 50,75,90) e verso il 90 per cento di scroll è presente un form di contatto, che è stato compilato e sono certo non siano bot. Tuttavia Analytics non ha registrato nessun evento. Ho persino pensato di aver sbagliato a digitare l’UTM di Analytics, invece è giusto. L’override è abilitato.

    Non capisco perché il tag non funzioni, quindi mi è sorto il dubbio.

    P.S. Il tag che ho impostato non si attiva su tutte le pagine del sito ma solo sulle pagine che contengono /blog/, per il resto ho seguito la guida alla lettera.

    • Matteo Zambon

      07 08 2018

      Ciao Giuseppe e grazie dei complimenti 🙂
      Il carattere % lo metti se vuoi vederlo anche nelle statistiche. Non ha alcun impatto a livello di funzionamento. Ovviamente lo devi mettere fuori dalle parentesi.
      Deve esserci qualcos’altro che non gli piace evidentemente.

  • Reply

    Valentina

    26 06 2018

    Ciao Matteo,

    non sarebbe più corretto mettere Hit da non interazione: true??

    • Matteo Zambon

      26 06 2018

      Ciao Valentina, ognuno gestisce la non interazione a seconda delle scelte. Ci metto una postilla su quella parte così da esplicitare meglio la cosa 🙂

      Grazie 😉

  • Reply

    Luigi

    08 05 2018

    Ciao Matteo, complimenti per le guide che realizzi sempre molto chiare. Io mi sono avvicinato da pochissimo al tag e ti vorrei fare subito due domande. La prima è che quando si crea il TAG vedo che c’è il campo “Valore” in questo specifico caso resta vuoto, quindi è questo il motivo per cui non l’hai elencato? e seconda domanda, scusa se è stupida. Ma quando ho creato il tag come da te indicato, ho salvato e nell’anteprima mi funziona tutto, il risultato dove lo visualizzo? sempre in analytics e se si dove nello specifico? Grazie, Luigi

    • Matteo Zambon

      09 05 2018

      Ciao Luigi,

      non ti preoccupare, nessuna domanda è stupida!

      Il campo valore non è un campo obbligatorio, a parte per tag particolari (dove gestisco le conversioni) lo lascio vuoto!
      Per la seconda domanda, se vuoi vedere in tempo reale se funziona anche su Google Analytics, c’è il report In tempo reale > Eventi 🙂

  • Reply

    William

    10 11 2017

    Ciao Matteo,
    complimenti per le tue guide!
    Ho seguito questo tutorial alla lettera ma ho un piccolo problema. Quando la pagina viene caricata l’evento di scroll (25,50,75,90 %) è già “fired” 4 volte senza aver scollato la pagina di un millimetro. Vedo in Google Analytics infatti che per tutte le percentuali di scroll viene segnato l’evento.
    Hai qualche idea?

    Grazie 🙂

    • Matteo Zambon

      10 11 2017

      Ciao William,

      probabilmente dipende dalla lunghezza della pagina, può essere che nel tuo caso non appena la finestra venga caricata, sia visibile più di metà pagina e di conseguenza l’evento venga attivato più volte per questo motivo. Puoi provare ad utilizzare l’attivatore “Visibilità di elemento”, dove puoi inserire anche il tempo minimo prima che un evento venga attivato 🙂

    • William

      10 11 2017

      Grazie del suggerimento!
      Proverò ad usare l’attivatore “Visibilità di elemento” e vediamo che cosa succede 🙂

    • Matteo Zambon

      13 11 2017

      Grande, fammi sapere 😀

    • Luigi

      09 05 2018

      Grazie Matteo, ma si vede solo su Analytics? cioè se chiudo la dashboard di Goole Tag Manager, i tracciamenti li vedo solo su Analytics giusto?

    • Matteo Zambon

      09 05 2018

      Sì oltre che sulla console di GTM vedrai lo scrolling su Google Analytics 🙂

Hai ancora qualche dubbio?
Chiedi pure qui sotto, sarò pronto a risponderti!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.