Ti sei mai chiesto se puoi tracciare gli utenti che hanno AdBlock installato? Perché dovresti farlo (anche se non hai AdSense)?

Ti spiego due valide ragioni:

  1. Hai mai provato a navigare il tuo sito con AdBlock? Probabilmente potrebbero esserci degli elementi bloccati.
  2. Potresti escludere dal Remarketing gli utenti che usano quell’estensione.

L’idea è questa: usiamo una variabile nel DataLayer che indica se AdBlock è attivo o meno. Il valore della variabile lo passiamo ad una dimensione personalizzata su Google Analytics attraverso un evento. Il tutto senza toccare una riga di codice del sito.

Sei pronto? Iniziamo!

Step 1 – Creiamo il Tag HTML Personalizzato

Per prima cosa dobbiamo creare un codice personalizzato HTML. Nel dettaglio inseriremo un elemento DIV che farà da “esca” all’AdBlock e un codice JavaScript basato su jQuery che verifica se il DIV verrà nascosto dall’AdBlock. Il risultato di questa operazione lo “pusheremo” (aggiungeremo) al DataLayer attraverso un evento personalizzato.

Fai così:

  • Tag > Nuovo > Configurazione tag.
  • Tipo di tag: Tag HTML personalizzato.
  • Adesso incolla il seguente codice. Se usi già la libreria di jQuery ti basta eliminare la riga di codice rossa.

[update] ► Se notate dei problemi di conflitto con la variabile $ provate a cambiate la string $ con jQuery

<div id="bottomAd" style="font-size: 2px;">&nbsp;</div>

<script src="https://ajax.googleapis.com/ajax/libs/jquery/2.1.3/jquery.min.js"></script>

<script>
    
$(document).ready( function() {
  window.setTimeout( function() 
  {
    var bottomad = $('#bottomAd');
    
    if (bottomad.length == 1) 
    {
      if (bottomad.height() == 0) 
      {
        dataLayer.push({'event': 'ir.adBlock', 'adBlockDetected': '1' });
      } 
      else 
      {
        dataLayer.push({'event': 'ir.adBlock', 'adBlockDetected': '0' });
      }
    }      
  }, 1);
});

</script>
  • Attivazione: All Pages / Visualizzazione di pagina.
  • Rinomina il tag “cHTML adBlock” e salva.

Dovresti avere quindi un Tag di questo tipo:

tag tracciare chi usa adblock su analytics google tag manager

Step 2 – Verifica il codice con Debug e Preview

Metti il tuo contenitore in Debug, verifica che venga scatenato l’evento ir.adBlock e che nella scheda Data Layer ci sia il valore della variabile adBlockDetected.

I valori possono essere:

  • adBlockDetected = 0 (AdBlock non è attivato)
  • adBlockDetected = 1 (AdBlock è attivato)

data layer tracciare chi usa adblock su analytics google tag manager

Step 3 – Creiamo la Variabile Livello di Dati

Prossimo passo è quello di catturare il valore di adBlockDetected nel DataLayer e gestirlo in una variabile:

  • Variabili > Nuova > Configurazione variabile.
  • Tipo di variabile: Variabile di Livello Dati.
  • Nome variabile livello dati: adBlockDetected.
  • Spunta Imposta valore predefinito.
  • Valore predefinito:
  • Nomina la Variabile “adBlockDetected” e salvala.

Dovresti avere una configurazione di questo tipo:

variabile tracciare chi usa adblock su analytics google tag manager

Step 4 – Creiamo l’attivatore

Associamo l’evento che abbiamo creato nel push ad un Attivatore di tipo personalizzato:

  • Attivatori > Nuovo > Configura attivatore.
  • Tipo di attivatore: Evento personalizzato.
  • Nome evento: ir.adBlock.
  • Attiva su: Tutti gli eventi personalizzati.
  • Chiama l’Attivatore “ir.adBlock”e salvalo.

attivatore tracciare chi usa adblock su analytics google tag manager

Mancano ancora pochi passaggi 🙂

Step 5 – Creiamo la dimensione personalizzata su Google Analytics

Per poter gestire e creare report personalizzati la cosa che conviene fare è creare una dimensione personalizzata su Google Analytics:

  • Amministrazione > Proprietà > Definizioni Personalizzate > Dimensioni personalizzate.
  • Clicca su Nuova Dimensione Personalizzata.
  • Nome della dimensione: AdBlock.
  • Ambito: Utente
  • Spunta la voce Attivo.
  • Fai attenzione all’indice della dimensione personalizzata. È un numero che può andare da 1 a 20 (nel mio caso è 3).

analytics tracciare chi usa adblock su analytics google tag manager

Step 6 – Creiamo l’evento su Google Analytics

Abbiamo tutto pronto, non ci resta che creare un evento su Google Analytics attraverso il Tag Analytics in Google Tag Manager. L’evento prenderà il valore della variabile e verrà attivato all’evento personalizzato.

  • Tag > Nuovo > Configurazione tag.
  • Tipo di tag: Universal Analytics.
  • Tipo di monitoraggio: Evento.
  • Categoria: AdBlock.
  • Azione: {{adBlockDetected}}
  • Etichetta: {{Page Path}}  (non è obbligatorio).
  • Hit da non interazione: True.
  • Adesso dentro le Impostazioni di Google Analytics, puoi inserire la Variabile delle Impostazioni di Analytics, se l’hai creata come ti ho spiegato, oppure puoi abilitare l’override e inserire la costante {{gaID}} nel campo ID monitoraggio (in alternativa puoi anche semplicemente inserire il tuo codice UA di Analytics).
  • Clicca su Altre impostazioni > Dimensioni personalizzate > Aggiungi dimensione personalizzata. Configura come segue:
  • Indice: 3 (inserisci il numero dell’indice della dimensione personalizzata che hai rilevato prima).
  • Valore dimensione: {{adBlockDetected}}
  • Attivazione: seleziona l’Attivatore “ir.AdBlock” creato precedentemente.
  • Nomina il tag ad esempio “GA – Event – AdBlock” e salva.

tag2 tracciare chi usa adblock su analytics google tag manager

Non ti resta che eseguire il debug e pubblicare!

Ti consiglio sempre di verificare con il debug che il Tag sia funzionante.

Dopo aver pubblicato il Tag, visita il tuo sito con AdBlock attivo e vai su Google Analytics. Se trovi gli Hit in Eventi sul rapporto in tempo reale allora il gioco è fatto!

analytics2 tracciare chi usa adblock su analytics google tag manager

 

Ora riesci ad avere un’informazione in più e capire quanti utenti utilizzano AdBlock.

Link Utili:

A presto e buon Tag!

PS: Ti sarebbe più utile una video guida? Lasciami un commento, in caso positivo mi attiverò per farlo 🙂

Condividi anche tu Google Tag Manager!
  • Reply

    Alberto

    04 07 2016

    Ciao, non mi è molto chiaro il passo 6: parli di crearlo dentro Analytics, ma non trovo la maschera adatta. La grafica dello schreenshot mi sembra più quella di TagManager. Puoi darmi una mano? grazie!

    • Matteo Zambon

      04 07 2016

      Ciao Alberto, hai ragione ho aggiornato la spiegazione esplicitando che si tratta del Tag Analytics di GTM.

  • Reply

    Giulia

    16 06 2016

    Ottimo tutorial. A me però non va lo step 2. Eh si che basa copia-incollare la porzione di codice e salvare… 🙁 Ho lanciato il debug ma niente ir.abBlock sul data layer.
    Magari un video tutorial mi farebbe capire dove sbaglio.

    • Matteo Zambon

      16 06 2016

      Ciao Giulia, un’altra richiesta e faccio il video 🙂
      Occhio, verifica che il copia incolla che fai sia corretto!

    • Giulia

      20 06 2016

      Ciao Matteo,
      il problema sta nella stringa .
      Se non metto la stringa, il datalayer non funziona . Se metto la stringa, va in conflitto con il nostro jquery.
      La libreria Jquery che noi usiamo è la versione 1.11. Hai qualcosa di compatibile?
      Fammi sapere.
      Grazie

    • Matteo Zambon

      20 06 2016

      Ciao Giulia, hai eliminato la stringa in rosso?

    • Giulia

      20 06 2016

      Si all’inizio ho fatto così, ma il debug non va, non riconosce ir.abBlock nel datalayer.
      Se invece lascio la stringa, il datalayer lo riconosce ma questo va in conflitto con la versione jQuery usata dal template del nostro sito, che è 1.11.
      Grazie,
      Giulia

    • Matteo Zambon

      20 06 2016

      Prova a fare così:
      – Togli il codice in rosso
      – Nella selezione dell’attivatore del Tag HMTL crea un nuovo attivatore con queste proprietà:
      ► scegli evento : Visualizzaizioe di Pagina
      ► configura attivatore : Finestra caricata
      ► attiva su: tutte le visualizzazioni

  • Reply

    alessandra rossi

    15 06 2016

    Molto stimolante, oltre che utile. Tempo fa scoprii che Adblock bloccava le immagini del nostro sito di tutorial, argh! Contattato subito l’amministratore delle liste ed il problema è cessato. Ma con le campagne su Google è un macello. Non tanto per noi che abbiamo deciso per altri canali al momento, ma per un sacco di aziende nostre clienti.
    Quindi divulgo volentieri e.. SI, ritengo che un video servirebbe.
    Se vuoi farne uno molto approfondito, hai pensato di venderlo?
    In questo caso hai considerato di pubblicarne anche una versione “stringata” gratuita?

    • Matteo Zambon

      15 06 2016

      Ciao Alessandra, si un consiglio che do è testare sempre i siti con AdBlock per vedere se viene bloccato qualcosa per errore.
      Tengo presente anche la tua richiesta, altre 2 e farò il video tutorial di questa guida.

      Per il discorso vendita molto approfondito direi di no, perché qui in realtà ti sto dando già il pesce cucinato. Mentre nel video corso “AL COMANDO” ti insegno come pescare 🙂
      Poi se hai esigenze particolari fammi sapere che al limite ci mettiamo d’accordo.

      A presto!

  • Reply

    Irene Tondi

    13 06 2016

    Grazie per questa guida, davvero utile 🙂 Mi piacerebbe facessi anche una video guida passo passo!

    • Matteo Zambon

      13 06 2016

      Ciao Irene grazie del feedback! Altre 3 richieste e prometto che la farò 🙂

  • Reply

    Roberto Santoli

    10 06 2016

    Ottima guida. Come da tua domanda finale rispondo: “sì, mi piacerebbe facessi anche una video guida passo passo” 😉

    • Matteo Zambon

      10 06 2016

      Grazie del feedback Roberto 🙂
      Se ricevo minimo 5 richieste (qui sui commenti) la farò!

Hai ancora qualche dubbio?
Chiedi pure qui sotto, sarò pronto a risponderti!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *