Non ci giro troppo intorno.

Il nuovo Remarketing dinamico di Google Ads rilasciato di recente offre notevoli vantaggi per migliorare le performance delle campagne pubblicitarie.

Ma nasconde qualche insidia.

In particolare c’è un aspetto piuttosto spinoso.

“Mmm a cosa ti riferisci Matteo?”

Semplice.

I nuovi parametri per gestire il Remarketing Dinamico di Google Ads sono diversi dai “vecchi” parametri.

E implementare i nuovi parametri di tracciamento con Google Tag Manager è più complesso, per 3 ragioni:

  1. (al momento in cui scrivo questo articolo) non esiste ancora una documentazione dettagliata a supporto per implementare i parametri di Remarketing, né su Google Analytics Universal, né su Google Analytics 4
  2. i “vecchi” parametri nei prossimi mesi possono perdere di validità. E in più, la relativa documentazione ufficiale Google è già sparita dalla faccia della Terra
  3. ma soprattutto: implementare i nuovi parametri di Remarketing dinamico in un sistema in Google Analytics 4 richiede uno sforzo tecnico abbastanza avanzato.

    In altre parole: è difficile, richiede tempo e il risultato di un corretto tracciamento non è scontato.

“Eh Matteo, purtroppo si deve procedere un po’ così. Facendo test e provando”.

Vero. Ma una mano a rendere tutto più semplice e preciso non guasta, no? 😉

Infatti, per curare il “mal di pancia” numero 3 di cui ti parlavo poco sopra, e iniziare così a misurare le conversioni in modo più accurato in Google Ads, ho creato un fantastico Modello di variabile personalizzata in Google Tag Manager.

(Modello che è stato ufficialmente approvato e pubblicato da Google Tag Manager, wo hoo!)

Importa la variabile GA4 Items to GAds Dynamic Remarketing Converter dalla gallery di GTM

Se ci tieni a tracciare a regola d’arte le tue campagne e a renderle più efficaci, allora questo Modello di Variabile fa al caso tuo.

Il “perché” è presto detto.

Il Modello di Variabile personalizzata che ho creato ha il compito di adattare la struttura del dataLayer di Google Tag Manager per gli eventi di GA4, alla struttura richiesta da Google Ads per il Remarketing Dinamico.

In pratica, è come se facesse parlare alle due strutture la stessa lingua per utilizzare correttamente i parametri di tracciamento.

E bastano pochi semplici click per farlo 😉

Infatti, tutto quello che devi fare è scaricare il mio Modello di Variabile personalizzata dalla Gallery ufficiale di GTM.
Una volta configurata ci penserà lei a fare tutto il “lavoro sporco”.

In questa news mi limito a spiegarti come funziona, cosa può fare per te e i vantaggi del mio Modello di Variabile personalizzata.

Se invece non vedi l’ora di passare all’azione, ecco il link alla guida pratica in cui spiego come implementare il Remarketing Dinamico con Google Tag Manager con GA4 e GA Universal.

 

NUOVO GA4, NUOVI PARAMETRI DI REMARKETING DINAMICO DA FAR COMBACIARE

Come avrai intuito il “problema” con i nuovi parametri del Remarketing dinamico è semplice.

Google Analytics 4 gestisce gli Eventi in modo (e con nomenclature) diverso dal buon Google Analytics Universal.

E in più, ai vertici di Google non hanno fatto le cose “a regola d’arte”, a mio parere.

Eccoti un esempio.

Il nuovo Remarketing dinamico di Google Ads passa i valori di 3 parametri al tuo Google Analytics 4:

  • event name“: il nome dell’evento. Un parametro uguale a quello già nativo in GA4. Per questa ragione i nomi dati all’evento dovranno essere uguali per i due parametri
  • event value“: è il valore totale dell’evento
  • event items“: questo parametro passa a Google Analytics 4 la lista dei prodotti con l’ID del prodotto e fornisce l’informazione del Google Business Vertical (che nella maggior parte degli e-commerce è il classico “retail”)

Ora, qual è il pasticcio (per non dire altro) che hanno combinato quelli di Google?

Che alcuni dati e parametri tra GA4 e il nuovo Remarketing dinamico Google Ads “non parlano la stessa lingua”.

Ovvero: su GA4 troviamo “item_id” come nome del valore del parametro che passa il codice ID del prodotto. Mentre nel nuovo Remarketing dinamico lo stesso valore viene chiamato “id”.

Per due servizi diversi (Google Analytics 4 e Google Ads), ai valori di uno stesso parametro vengono dati due nomi diversi.

In questo modo si crea un difficile gioco per far combaciare i due strumenti.

Un po’ come quel vecchio gioco da bambini del contenitore con le fessure di forme geometriche diverse, e i rispettivi blocchetti solidi da far coincidere con le sagome giuste.

Se tenti di infilare il blocchetto quadrato dentro la sagoma geometrica del tondo, non riuscirai a far passare nulla (a meno che tu non decida di usare le maniere forti, ma a quel punto spaccheresti tutto 😀 ).

Vale la stessa cosa tra la tua proprietà in Google Analytics 4 e i nuovi nomi dei parametri di Remarketing dinamico. Ma non solo quelli nuovi. Anche per i “vecchi” parametri di Remarketing in GA4 vale lo stesso discorso.

In altre parole: per far “combaciare” i due sistemi e far così passare al tuo GA4 gli Eventi del Remarketing dinamico che ti interessano, dovresti sporcarti le mani con array JavaScript, o affidarti a plugin su WordPress (che purtroppo hanno piccole lacune come quella che ti descrivevo poco fa).

Il Modello che ho creato ti toglie questo peso dalle tue spalle.

Lo trovi nella sezione “Modelli” nel menù a sinistra del tuo Google Tag Manager.

Si chiama GA4 Items to GAds Dynamic Remarketing Converter.

Ti spiego in breve le magie che può fare per te 🙂

Richiedi una consulenza su Google Analytics 4

 

UN MODELLO DI GTM PER IL REMARKETING DINAMICO “VECCHIO” E NUOVO DI GOOGLE ADS IN GA4

Il vantaggio di utilizzare questo Modello lo avrai intuito.

Ti permette con pochi click configurare una sola variabile personalizzata in Google Tag Manager per implementare correttamente sia i parametri nuovi di remarketing dinamico, sia quelli “vecchi”.

In questo modo potrai gestire in modo pulito e accurato gli Eventi di Remarketing Google Ads specifici di ciascuna versione direttamente nel tuo GA4.

Infatti, siccome nel tuo Google Analytics 4 hai già tutti i dati in pagina che servono, con questo Modello li vai a prendere in modo automatico.

  • Senza usare plugin poco attendibili.
  • Senza rivolgerti a uno sviluppatore per fare array JavaScript.

E soprattutto, indipendentemente dalla struttura del tuo e-commerce e del servizio che usi per farlo funzionare, che sia Woocommerce, Magento, PrestaShop, ecc.

Una volta che avrai configurato il mio Modello in Google Tag Manager, infatti, avrai davanti due scenari:

  1. configuri la variabile coi parametri del nuovo Remarketing dinamico e come “type” scegli quale parametro gestirà questa variabile:
    • parametro “value”: che come abbiamo detto più sopra, passerà il valore della somma vari prodotti nell’evento. Ad esempio: acquisto di 3 prodotti al prezzo di 10 Euro. L’ “event value” sarà 30 Euro
    • parametro “items”: il parametro che passerà il dato dell’ID del prodotto e del Google Business Vertical
  2. configuri la variabile coi parametri del “vecchio” Remarketing dinamico e ti basta impostare come “type” della variabile Custom Parameters.

Ti aspetto nei commenti per sapere se hai provato il mio Modello, se ti è stato utile o se hai trovato qualche difficoltà.

Ti risponderò con piacere 🙂

Ti ricordo la guida passo passo: come implementare il Remarketing Dinamico con Google Tag Manager con GA4 e GA Universal.

Al prossimo Modello e… buon Tag!

 

… E SE GESTIRE IL NUOVO REMARKETING DINAMICO DI GOOGLE ADS È ANCORA UN INCUBO…

… non è colpa tua.

Eh sì, perché i nuovi parametri del Remarketing dinamico di Google Ads rendono più accurati i dati delle tue campagne…

… ma sono “dannatamente” più difficili da gestire rispetto ai precedenti.

Ma non per te.

Perché se Google Ads è il pane quotidiano del tuo lavoro o delle tue strategie di digital marketing, ho un asso nella manica per te.

È il mio corso per padroneggiare l’implementazione e la gestione tecnica dei nuovi Remarketing Dinamico e Conversioni Avanzate di Google Ads. 

Dai uno sguardo al programma del corso su questa pagina.

Sono 2 ore di pratica, pratica e ancora pratica, con video lezioni passo passo e che aggiorno ad ogni novità. 

Mi spiace per te, ma tutte queste cose non le troverai in giro in qualche corso gratuito di Google o su Udemy 🙂

Ecco un assaggio dei contenuti del corso:

  • Differenza tra importazione delle conversioni di Google Analytics e le conversioni del Tag di Google ADS
  • Google ADS e la Consent Mode (demo pratica)
  • Implementazione del remarketing dinamico (esempi e demo pratiche)
  • Requisiti del Remarketing dinamico
  • Gli aspetti pratici del passaggio e della gestione delle nuove Conversioni Avanzate (anche in Google Analytics 4)

Corso Google Ads remarketing dinamico conversioni avanzate

Condividi anche tu Google Tag Manager!

Hai ancora qualche dubbio?
Chiedi pure qui sotto, sarò pronto a risponderti!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.