Premessa: questa guida ha avuto come ispirazione l’articolo di Mikko Piippo (trovi il link alla fine) che ho avuto il piacere di conoscere al primo MeasureCamp di Milano (qui trovi un mio articolo e il video del mio speech)

Matteo Zambon e Mikko Piippo al MeasureCamp Milan

Matteo Zambon e Mikko Piippo al MeasureCamp Milan

In questa guida approfondiamo un tema che sicuramente avrai già visto, ovvero il problema del Bounce Rate.

Facciamo un giochino.

Se la frequenza di rimbalzo (bounce rate) è troppo bassa (sotto il 10%), è molto probabile che ci sia un’implementazione non corretta di Google Analytics. Giusto?

E quindi che si fa?

I motivi possono essere due:

  • Doppia pageview
  • Evento con hit da non interazione a false

Per scoprire se è la seconda casistica dovresti tracciare l’evento “nonInteraction” come una dimensione personalizzata in Google Analytics.

Uh.

Eh… questo è un problema molto comune nell’installazione di Google Analytics. Molto spesso alcuni eventi attivati automaticamente sono tracciati come interazione utente o in inglese user-interaction quando dovrebbero essere eventi di non interazione, detti non-interaction. Alcuni esempi? I popup e le slideshow sono fra le più comuni cause di problemi, così come gli eventi timer.

Alcune volte, qualche (semi)professionista della web analytics sfrutta questo problema a proprio vantaggio. Utilizzano questa (errata) frequenza di rimbalzo invece che quella reale e vengono attivati eventi di interazione ad esempio dopo 30 secondi dal caricamento della pagina. Sì è cattivo, lo so.

Ad ogni modo, dovresti facilmente controllare quali eventi Google Analytics sono registrati come user-interaction e quali invece no.

Sfortunatamente, su Google Analytics non sono implementate dimensioni per il tracciamento di questa caratteristica in un evento. È, tuttavia, molto facile da implementare con una dimensione personalizzata utilizzando la funzionalità customTask di GTM.

Passaggi per implementare nonInteraction con una dimensione personalizzata in Google Analytics

Oh, arriviamo alla parte succosa.

Implementare una dimensione personalizzata è semplice e non richiede troppo tempo se segui questa guida 🙂 Per l’implementazione, hai bisogno degli accessi come amministratore sia su GA che su GTM.

Ecco i passaggi che dovresti fare:

  • Aggiungi una dimensione personalizzata.
  • Crea una variabile JavaScript personalizzato su GTM.
  • Aggiungi il customTask alla variabile di Analytics.

Aspetta… aspetta… ho mal di testa, non capisco.

Oh, su su. Un moment e la mia guida fanno passare tutto.

Andiamo con calma, sei pronto?

Step 1 – Aggiungere una dimensione personalizzata per non interaction in Google Analytics

Prima di tutto, devi configurare la dimensione personalizzata in Google Analytics.

  • Naviga sul menù di Google Analytics, clicca su Amministratore in basso a sinistra, sotto la voce Proprietà clicca Definizioni personalizzate
  • Scegli Dimensioni personalizzate.
  • CliccaNuova Dimensione Personalizzata.
  • Ora devi dare un nome alla dimensione personalizzata (in questo caso CD – nonInteraction) e assicurarti che nel menù a discesa Ambito, sia selezionato Hit.
  • Infine controlla che sia spuntata la casella Attivo e clicca Crea per creare la dimensione personalizzata.

Tracciare nonInteraction in Google Analytics - Step 1 -Aggiungi dimensione personalizzata

Ora però devi ottenere l’indice (il numero) che identifica la dimensione personalizzata che poi sarà utilizzato sullo script di Google Tag Manager.

Per ottenere questo identificativo, assicurati di essere sul pannello d’Amministratore e sotto la voce Proprietà clicca su Definizioni personalizzate ed infine Dimensioni personalizzate.

Ti verrà mostrata una tabella con tutte le dimensioni personalizzate che hai creato. Cerca CD – nonInteraction e ricorda l’indice della dimensione.

Tracciare nonInteraction in Google Analytics - Step 1 - Indice dimensione personalizzata

Step 2 – Variabile JavaScript Personalizzato

Ora non ti resta altro che aprire Google Tag Manager e creare una variabile JavaScript personalizzato all’interno del tuo contenitore GTM.

  • Variabili > Nuova > Configurazione della variabile
  • Tipo di variabile: Javascript personalizzato.
  • Copia il codice scritto qui sotto:
function () {
     // Indice dimensione personalizzata
     var indiceDP = 1;
     // Ritorno della funzione
     return function (model) {
          model.set('dimension' + indiceDP, model.get('nonInteraction'));
     }
}
  • Dai un nome appropriato alla variabile: “customTask – nonInteraction”

Nel momento della creazione della variabile indiceDP, devi inserire l’indice (identificativo) della tua dimensione personalizzata (al posto di 1) che hai visualizzato in precedenza su Google Analytics.

Tracciare nonInteraction in Google Analytics - Step 2 - Variabile JavaScript Personalizzata

Per più informazioni riguardo la funzione, ti consiglio di leggere la guida della documentazione ufficiale di Google per il model object.

Step 3 – Aggiungere il customTask alla variabile GA

Ci siamo quasi 🙂

Ora non ti resta che richiamare la funzione nella variabile di impostazione di Google Analytics che dovresti già avere all’interno del tuo Tag di Google Analytics. In questo modo, la dimensione personalizzata verrà inviata con tutti gli eventi usando la variabile stessa.

  • Variabili > e cerca la tua variabile di impostazioni di Google Analytics.
  • Clicca su Altre Impostazioni > Campi da impostare.
  • Ora devi ovviamente aggiungere il campo, clicca quindi il simbolo più (+) Aggiungi campo e compila con il nome del campo customTask e con il valore {{customTask – nonInteraction}}.

Tracciare nonInteraction in Google Analytics - Step 3 - Altre impostazioni GA

[Attenzione!]  può esistere solamente un customTask.

Se hai bisogno di diversi customTask, dovresti combinarli in un’unica funzione JavaScript.

Step 4 – Esempio di due eventi

Ora che abbiamo tutto pronto non ci resta che fare la verifica, non credi?

Faremo due esempi di Tag che si attivano con due attivatori di tipo timer, il primo con hit da non interazione a vero (true), il secondo a falso (false).

Puoi creare due tag per vedere se effettivamente il tutto funziona.

  • Seleziona Tag > Nuovo > Google Analytics – Universal Analytics
  • Nome: Timer A – TRUE
  • Tipo di monitoraggio: Evento
  • Imposta Vero come Hit da non interazione (nonInteraction)
  • Seleziona la variabile di impostazioni di GA come Impostazioni di Google Analytics (nel nostro caso {{GA}})

Tracciare nonInteraction in Google Analytics - Step 4 - Tag Google Analytics

Facciamo l’ipotesi che il tag dovrà attivarsi dopo 7 secondi dalla visualizzazione della pagina. Bene impostiamo l’attivatore:

  • Attivatore: timer
  • Intervallo: 7000 ms (ovvero 7 secondi)
  • limite ad 1, altrimenti si richiamerà ogni 7 secondi.
  • Abilita l’attivatore: espressione regolare .*
  • Nome: Timer 7 secondi

Tracciare nonInteraction in Google Analytics - Step 4 - Trigger Google Analytics

Great! Facciamo lo stesso con un altro Tag e un attivatore timer a 10 secondi.

  • Seleziona Tag > Nuovo > Google Analytics – Universal Analytics
  • Nome: Timer A – FALSE
  • Tipo di monitoraggio: Evento
  • Imposta Falso come Hit da non interazione (nonInteraction)
  • Seleziona la variabile di impostazioni di GA come Impostazioni di Google Analytics (nel nostro caso {{GA}})

E come Timer

  • Attivatore: timer.
  • Intervallo: 10000 ms (ovvero 10 secondi)
  • limite ad 1, altrimenti si richiamerà ogni 10 secondi.
  • Abilita l’attivatore: espressione regolare .*
  • Nome: Timer 10 secondi

Proviamo se tutto funziona!

Ok, ora ci siamo.

Yeahhhhh!

‘Spetta. Non ti resta che verificare che il tutto funzioni semplicemente abilitando la modalità Anteprima di Google Tag Manager.

Per verificare il completo funzionamento del customTask tuttavia, devi avere installata l’estensione per il browser chiamata Tag Assistant (by Google) che controlla i tag di tracciamento presenti in una pagina web, sia di GTM che di GA. E’ possibile anche analizzare i parametri che vengono inviati ai server di Google Analytics, ma questo lo vedrai in seguito.

Dopo 7 secondi dal PageView verrà azionato il tag Timer A – TRUE:

Tracciare nonInteraction in Google Analytics - Debug Timer A

Dopo 10 secondi dal PageView verrà azionato il tag Timer B – FALSE:

Tracciare nonInteraction in Google Analytics - Debug Timer B

Così facendo hai verificato che i tag vengono quindi azionati.

Ma funziona il passaggio del parametro?

controlliamo se la dimensione personalizzata viene effettivamente inviata correttamente a Google Analytics. Il nostro Tag Assistant ci aiuta anche in questo.

  • Clicca l’icona di Tag Assistant in alto a destra del browser
  • Seleziona il tag di Google Analytics
  • Clicca su Eventi.

A questo punto dovrai visualizzare i parametri cliccando dunque su URLs e per vederli in formato tabella, clicca il tasto Tabella sopra l’URL visualizzato.

Ora sei pronto per verificare se vengono inviati i due HIT ad Analytics controllando la riga il cui nome parametro è cd1 (Custom Dimension e l’indice) oppure cd e un identificativo.

Questo è il risultato del tag Timer A – TRUE mostrato con Tag Assistant:

Tracciare nonInteraction in Google Analytics - Custom Dimension Timer A

Questo, invece, è il risultato del tag Timer B – FALSE mostrato con Tag Assistant:

Tracciare nonInteraction in Google Analytics - Custom Dimension Timer B

Ora non hai proprio più nessuna scusa per capire come mai il tuo bounce rate è super bassissimo!

Fammi sapere cosa ne pensi nei commenti e buon Tag!

Link utili

Condividi anche tu Google Tag Manager!

Hai ancora qualche dubbio?
Chiedi pure qui sotto, sarò pronto a risponderti!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.