[Aggiornata il 16 Marzo 2018]

Impostare l’Adjusted Bounce Rate è un’operazione importante per avere informazioni più veritiere sul comportamento degli utenti nel sito e sulla frequenza di rimbalzo.
Se non hai chiaro cosa sia l’Adjusted Bounce Rate, leggi la pagina del glossario.

Puoi implementare l’Adjusted Bounce Rate in modo semplice grazie a Google Tag Manager.

Step 1 – Crea l’attivatore

Per prima cosa crea un nuovo Attivatore, così:

  • Attivatori > Nuovo > Configurazione attivatore.
  • Tipo di attivatore: Timer.
  • Nome evento: gtm.timer.
  • Intervallo: 30000 millisecondi (ovvero 30 secondi).
  • Limite: 1 (il timer si attiverà una sola volta, non continua ad attivarsi ogni 30 secondi).
  • Abilita quando: Page URL corrisponde all’espressione regolare .* (cioè abilita in tutte le pagine, ma potresti abilitarlo nelle pagine che ritieni più opportune).
  • Attiva su: Tutti i timer.
  • Rinomina l’Attivatore ad esempio “Timer 30 sec”.
  • Salva.

attivatore timer adjusted bounce rate google tag manager

*Page URL è una Variabile Integrata. Se non la trovi vuol dire che devi ancora attivarla: qua c’è la guida su Come attivare le Variabili Integrate in Google Tag Manager

Step 2 – Crea il tag

Il secondo ed ultimo step è la creazione di un nuovo Tag. Procedi così:

  • Tag > Nuovo tag > Configurazione tag.
  • Tipo di tag: Universal Analytics.
  • Tipo di monitoraggio: Evento.
  • Categoria: qui puoi impostare il nome che più ritieni adatto, ad esempio ABR Adjusted Bounce Rate.
  • Azione: è una descrizione di ciò che traccia questo evento, ad esempio puoi inserire Vista pagina sopra i 30 secondi.
  • Etichetta: {{Page URL}}
  • Hit da non interazione: False, per influire sulla frequenza di rimbalzo, ovviamente 😉
  • Adesso seleziona la Variabile delle impostazioni di Google Analytics in Impostazioni di Google Analytics, se l’hai creata, oppure abilita l’override e seleziona la costante {{gaID}} (che dovresti avere se hai seguito la mia guida su come creare una costante per l’ID di monitoraggio di GA). In alternativa inserisci semplicemente il tuo codice UA-XXXXXX-X.
  • In Altre impostazioni > Pubblicità > Attiva le funzioni della pubblicità display ti consiglio di inserire True.
  • Opzioni di attivazione tag: Una volta per evento.
  • Attivazione: dovrai ora selezionare l’attivatore creato precedentemente, ovvero “Timer 30 sec”.
  • Non ti resta che salvare il Tag, con il nome “GA – Event – Unbounce 30 sec”, ad esempio.

tag adjusted bounce rate analytics google tag manager

Step 3 – Verifica con il Debug/Visualizza in anteprima

Come al solito, prima di pubblicare definitivamente il Tag, controlla il suo corretto funzionamento con la modalità Debug/Visualizza in anteprima. Dopo averla attivata vai in qualsiasi pagina del sito sul quale stai lavorando. Vedrai il tuo tag “GA – Event – Unbounce 30 sec” tra i Tags Not Fired On This Page.

verifica1 adjusted bounce rate analytics google tag manager
Attendi 30 secondi: ora il Tag dovrebbe spostarsi automaticamente tra i Tags Fired On This Page.

verifica2 adjusted bounce rate analytics google tag manager

Ecco, sei pronto per la pubblicazione: clicca il pulsante blu “Invia” per rendere effettive le modifiche.

Inizia ad ottimizzare i dati sulla frequenza di rimbalzo del tuo sito, grazie all’Adjusted Bounce Rate!

Alla prossima guida…buon Tag!

Condividi anche tu Google Tag Manager!
  • Reply

    Giuseppe

    30 11 2015

    Ciao Matteo, complimenti per lo speech tenuto a Milano al Search Marketing Connect. Ho conosciuto in quella sede te e il tuo progetto ed eccomi qui grin emoticon.

    In merito al calcolo del bounce rate, tendo a ridurre al minimo i casi in cui utilizzare eventi a tempo di tipo non-interaction false. Secondo me un buon bounce rate dovrebbe tenere conto delle reali azioni di engagement degli utenti.
    Sono pochi i casi in cui da un punto di vista dell’analisi trovo utile “prendere per buono” un utente solo perché sta in pagina per 30 secondi (o più).

    Piuttosto trovo molto utile utilizzare questi eventi a tempo per segmentare il pubblico e rispondere a domande del tipo: perché chi sta più di un certo numero di secondi nella mia pagina non interagisce in alcun modo con i miei contenuti (commenti, rating, condivisioni, ecc.)? Non so se sei d’accordo.

    • Matteo Zambon

      30 11 2015

      Ciao Giuseppe! Dovevo offrirti una birra allora!

      Le tue considerazioni sono corrette, è infatti da valutare quando oggettivamente attivare il flag “Hit da non interazione”. Come ricorderai, nello speech parlavo di landing page chiusa, che è diversa da un sito web.

      Quindi il mio vuole essere una semplice guida di come implementarlo, poi quando e su cosa effettivamente attivarlo è una considerazione che dovete fare voi 🙂

      Alla prossima!

Hai ancora qualche dubbio?
Chiedi pure qui sotto, sarò pronto a risponderti!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.