[Aggiornata il 01 Aprile 2020]

Oh che bello, hai usato un attivatore per tracciare lo scrolling dell’utente oppure un timer per tracciare l’Adjusted Bounce Rate.

Vorresti però essere un po’ più preciso, ovvero iniziare a tracciare solo gli utenti che hanno fatto scrolling dopo (ad esempio) trenta secondi, giusto?

Bene, eccoti una guida passo passo che ti spiega tutto.

STEP 1 – ABILITA LA VARIABILE INTEGRATA

Per prima cosa, abilita la variabile integrata in Google Tag Manager, sono variabili gestite direttamente dal sistema, basta solo abilitarla.

  • Sezione Variabili > Variabili definite dall’utente > Configura.
  • Scorri nell’elenco fino a trovare Scroll Depth Threshold
  • Spunta il flag per abilitare la variabile

Abilitare-Variabile-Per-Scroll-Depth

STEP 2 – CREA LA VARIABILE PER IL TIMER

Ora non ci resta che creare una variabile contenente il valore del timer:

  • Sezione Variabili > Variabili definite dall’utente > Nuova.
  • Tipo di Variabile: Variabile di livello dati
  • Nome della variabile: gtm.timerInterval
  • Versione Livello Dati: Versione 2
  • Salva con il nome:gtm.timerInterval

Creare-Variabile-Per-Timer-Interval

STEP 3 – CREA L’ATTIVATORE RELATIVO ALLO SCROLL DI PAGINA

Boom! Accendiamo tutto con un attivatore per lo scroll di pagina, contenente una condizione relativa al timer:

  • Sezione Attivatori > Nuovo.
  • Tipo di Attivatore: Profondità di scorrimento
  • Spunta l’opzione: Profondità di scorrimento verticale
  • Nella sezione percentuali, inserirci: 50 
  • Questo attivatore si attiva su: Alcune pagine
  • Aziona questo attivatore quando: gtm.timerInterval è uguale a 30000
  • Clicca sulla “+”, aggiungi: Page Path contiene /esempio/ [attenzione questo è valido per la mia pagina di test, modifica con i valori della pagina che vuoi tracciare]
  • Salva l’Attivatore come: “Scroll and Timer”

Step-3-Creare-Attivatore-Scroll-Depth-Con-Timer

 

STEP 4 – CREA L’ATTIVATORE RELATIVO AL TIMER

Ora accendiamo anche l’attivatore per il timer, contenente una condizione relativa allo scroll:

  • Sezione Attivatori > Nuovo.
  • Tipo di Attivatore: Timer
  • Nome evento: gtm.timer
  • Intervallo: 30000 
  • Limite: 1
  • Abilita questo attivatore quando: Page URL contiene /
  • Questo attivatore si attiva: Alcuni timer
  • Aziona questo attivatore quando: Scroll Depth Threshold è uguale a 50
  • Clicca sulla “+”, aggiungi: Page Path contiene /esempio/ [attenzione questo è valido per la mia pagina di test, modifica con i valori della pagina che vuoi tracciare]
  • Salva l’Attivatore come: “Timer and Scroll”

Creare-Attivatore-Timer-Con-Scroll-Depth

STEP 5 – CREA IL TAG  EVENTO

L’ultimo passaggio è creare il Tag di Google Analytics per raccogliere i dati relativi all’Adjusted Bounce Rate

  • Sezione Tag > Nuovo
  • Tipo di Tag: Universal Analytics
  • Tipo di monitoraggio: Evento
  • Categoria: Deep read
  • Azione: {{Event}}
  • Etichetta: Time {{gtm.timerInterval}}
  • Hit da non interazione: True [Attenzione: qui lo mettiamo a True se non vuoi che impatti nella frequenza di rimbalzo. Mettilo a False se invece vuoi che impatti]
  • Adesso seleziona la Variabile delle impostazioni di Google Analytics in Impostazioni di Google Analytics, se l’hai creata, oppure abilita l’override e seleziona la costante {{gaID}} (che dovresti avere se hai seguito la mia guida su come creare una costante per l’ID di monitoraggio di GA). In alternativa inserisci semplicemente il tuo codice UA-XXXXXX-X.
  • Aggiungi gli attivatori: “Scroll and Timer” e “Timer and Scroll”
  • Salva il Tag come: “GA – Event – Deep read”

Creare-Tag-GA-Event-Per-Bounce-Rate

TESTIAMO IL FUNZIONAMENTO

Uhhh ci siamo!

A questo punto ne testiamo il corretto funzionamento con la console di Debug e Anteprima.
Attiviamo la modalità di anteprima nel nostro sito, come per magia, il nostro evento viene attivato nel momento in cui passano i 30 secondi, avendo già letto più della metà della pagina.

Debug-Trigger-Di-Scroll-Non-Attivo

Debug-Trigger-Di-Timer-Attivo

Puoi effettuare una contro prova, aspetta che passino i 30 secondi e successivamente raggiungi la metà della pagina, vedrai che l’evento di Analytics viene eseguito ugualmente.

In questo modo sei riuscito a tracciare un utente realmente interessato all’articolo che sta visualizzando!!

Fammi sapere se ti è utile questa guida lasciandomi un commento.

Condividi anche tu Google Tag Manager!
  • Reply

    marco

    20 06 2020

    Ciao Matteo grazie della guida. E se dovessi invece attivare anche il pixel di facebook per tracciare lo scrolling, come funziona? Cioè attivare evento customizzato del pixel solo se le persone scrollano? Grazie

Hai ancora qualche dubbio?
Chiedi pure qui sotto, sarò pronto a risponderti!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.