In questa guida andremo a vedere insieme una delle Variabili che è possibile utilizzare all’interno di Google Tag Manager.

Tieniti pronto perché questa cosa è davvero fighissima 😉

Tra le possibili Variabili definite dall’utente ne esiste una con il nome di Tabella delle espressioni regolari che rispetto alla variabile “Tabella di ricerca” ti permette di avere più flessibilità.

Scusa Matteo… in che senso?

La tabella di ricerca fa esattamente ciò che dice: ricerca! Questo vuol dire che per ogni valore in ingresso (input) restituisce un preciso valore in uscita (output) e il problema è proprio questo: ci sarà sempre una corrispondenza esatta tra input e output, non possiamo raggruppare più dati che restituiscano lo stesso output.

Niente paura, con la Tabella delle Espressioni Regolari questo problema è completamente risolto e ora ti mostro come 😛 .

  • Vai all’interno del tuo contenitore.
  • Vai nella sezione Variabili > Variabili definite dall’utente > Nuova.
  • Tipo di variabile: Tabella delle espressioni regolari (la trovi nella sezione Utility).

variabile tabella delle espressioni regolari

Vediamo insieme com’è strutturata 🙂

Variabile input

Questa Variabile serve come valore di confronto per la tabella. Per esempio, se vuoi che la Tabella delle Espressioni Regolari cerchi dei pattern all’interno dell’URL della pagina andrai a selezionare come Variabile input {{Page Path}}. La Variabile input verrà associata ad ogni riga della tabella, dall’alto verso il basso finché non troverà l’esatta corrispondenza e restituirà il valore output.

La Tabella delle Espressioni Regolari

La tabella è composta da righe, ogni riga corrisponde ad un pattern nel quale c’è un input che restituisce un output. Il pattern corrisponde sempre ad una Espressione Regolare, ecco qualche esempio:

  • tagmanageritalia.it corrisponderà a “tagmanageritalia<+ qualsiasi carattere +>it”
  • tagmanageritalia\.it corrisponderà a “tagmanageritalia.it “
  • ^tagmanageritalia\.it $ corrisponderà a “tagmanageritalia.it ” (esclude qualsiasi carattere sia prima che dopo l’URL)

Imposta valore predefinito

Nel caso non venga trovata alcuna corrispondenza con i pattern che hai inserito, hai la possibilità di impostare un valore predefinito che potrà essere una qualsiasi variabile di Google Tag Manager.

Ignora maiuscole e minuscole

Se spunti questa opzione, i pattern non saranno case sensitiveil che vuol dire non ci sarà distinzione tra maiuscole e minuscole.

Solo corrispondenze esatte

In questo caso tutti i pattern dovranno corrispondere esattamente all’intero input, nel gergo delle Espressioni Regolari equivale ad aggiungere ad ogni pattern l’espressione ^…..$.

Eeeeh?

Calma e sangue freddo 😛
Facciamo un esempio: se hai questa opzione spuntata e il tuo pattern è www\.tagmanageritalia\.it allora la tua variabile input restituirà solo ed esclusivamente www.tagmanageritalia.it. Al contrario, se andrai a togliere questa opzione (che è attiva di default) il pattern restituirà anche URL come:

  • ehiciao.www.tagmanageritalia.it
  • www.tagmanageritalia.it.tutte.le.guide.su.gtm.più.una

e così via.

Attiva gruppi Capture e funzionalità di sostituzione

Questa opzione è davvero molto interessante perché ti permette di utilizzare una parte del pattern all’interno dell’output restituito. Cercherò di essere più chiaro, rimani con me!

Un gruppo, nelle espressioni regolari, è un pattern che vai a definire con delle parentesi tonde. La maggior parte dei gruppi possono essere “catturati” con il simbolo del dollaro usando la funzione String.replace() oppure grazie all’opzione presente in questa variabile.

La guida ufficiale che ci suggerisce Google ci da questa immagine per le opzioni di sintassi del dollaro

tabella espressione regolare dollaro
Che vuol dire tutto questo?

Significa che a seconda di determinate casistiche possiamo usare il valore $ come search/replace dei pattern della Variabile in input come output.

Esempio:

Vogliamo inserire sempre il prefisso +39338 a qualsiasi numero di telefono. Il valore del numero di telefono è all’interno di una variabile {{Telefono}}.

Ecco cosa dobbiamo fare:

Inserire come input 338\d+ e come output +39$&

In questo modo il simbolo $& non farà altro che prendere il pattern di input e usarlo 🙂

guida tabella regular expression

Fidati, appena inizierai a smanettarci un po’ vedrai come ti divertirai a giocarci!

A parte gli scherzi, non è solo una questione di gioco, grazie a questa Variabile puoi gestire in maniera facile e veloce una serie di dati che altrimenti richiederebbero di mettere mano al codice e questo noi non lo vogliamo, giusto? 🙂

Cosa ne pensi?

Condividi anche tu Google Tag Manager!
  • Reply

    Niccolo

    15 12 2017

    Ciao Matteo,
    Una domanda quick, se voglio attivare un trigger solo se l’url Match la homepage come posso fare se però la homepage a vari ID in query string?
    Mi spiego, io voglio far scattare un trigger solo se c’è il match di: “www.esempio.it” “www.esempio.it/?id213” “www.esempio.it/?id222” etc.
    Ma sempre e solo nella homepage, quindi non voglio che l’evento scatti nella pagina “www.esempio.it/about”
    Capito?
    Qualche aiutino?
    grazie

Hai ancora qualche dubbio?
Chiedi pure qui sotto, sarò pronto a risponderti!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.