[Aggiornata il 13 Aprile 2018]

Chi ha detto che Google Tag Manager può essere utile solo per la Web Analytics?

Quello che forse non sai è che esistono tanti (ma taaanti) trucchetti che ti possono aiutare anche se lavori nella SEO.

Quali? Uuuuhh… 🙂 ne vedremo insieme alcuni.

 

Gestione dei dati strutturati con JSON-LD

Innanzitutto cosa sono i dati strutturati?

I dati strutturati sono dei markup che permettono al crawler di ottenere informazioni aggiuntive sulle pagine web da mostrare nella SERP.

Parliamo ad esempio di rich snippet, breadcrumbs, sitelink, search box, review… Per saperne di più puoi leggere il mio glossario sui dati strutturati.

Questi dati vanno ad arricchire anche il knowledge graph implementando ad esempio logo, contatti, profili social.

knowledge-graph-esempio

Ecco, una delle fantastiche cose che puoi fare con Google Tag Manager è proprio utilizzare JSON-LD per implementare i dati strutturati tramite i nostri carissimi amici, ovvero i Tag HTML Personalizzati.

 

1) GESTIONE DEL KNOWLEDGE GRAPH

Ti ho già accennato al fatto che questi Tag non sono già presenti di default su Google Tag Manager, per cui andremo a gestirli con i Tag HTML Personalizzati:

  • Sezione Tag > Nuovo Tag > Tag HTML Personalizzato.
  • Copia-incolla gli script (per comodità te li ho messi sotto l’immagine 🙂 stessa cosa vale per gli altri Tag che vedremo in seguito).
  • Attiva su: All Pages.
  • Nominiamolo ad esempio “cHTML – Knowledge Graph”.
  • Salva

 

knowledge-graph-google-tag-manager

Se vogliamo verificare che il Tag sia funzionante, possiamo accedere alla modalità di Anteprima: dovremmo vedere il nuovo Tag fra i Tags Fired On This Page.

knowledge-graph-google-tag-manager-anteprima

Esiste anche uno strumento di Google che ti permette di verificare il funzionamento dei dati strutturati, lo trovi in fondo a questa guida fra i link utili 🙂

Ed ecco i codici, presi dalla Guida di Google ai dati strutturati. Naturalmente andranno personalizzati con i tuoi dati:

LOGO

<script type="application/ld+json">
 {
 "@context": "http://schema.org",
 "@type": "Organization",
 "url": "http://www.demo.tagmanageritalia.it/esempio/",
 "logo": "http://demo.tagmanageritalia.it/esempio/tm-content/uploads/2016/04/TagManagerItalia-icona.png"
 }
 </script>

CONTATTI

<script type="application/ld+json">
 {
 "@context": "http://schema.org",
 "@type": "Organization",
 "url": "http://www.demo.tagmanageritalia.it/esempio/",
 "logo": "http://demo.tagmanageritalia.it/esempio/tm-content/uploads/2016/04/TagManagerItalia-icona.png",
 "contactPoint" : [{
 "@type" : "ContactPoint",
 "telephone" : "+39-3388835425",
 "contactType" : "technical support",
 "availableLanguage" : ["Italian", "English"]
 }]

}
 </script>

PROFILI SOCIAL

<script type="application/ld+json">
 {
 "@context": "http://schema.org",
 "@type": "Organization",
 "url": "http://www.demo.tagmanageritalia.it/esempio/",
 "logo": "http://demo.tagmanageritalia.it/esempio/tm-content/uploads/2016/04/TagManagerItalia-icona.png",
 "contactPoint" : [{
 "@type" : "ContactPoint",
 "telephone" : "+39-3388835425",
 "contactType" : "technical support",
 "availableLanguage" : ["Italian", "English"]
 }],
 "sameAs" : [
 "https://www.facebook.com/zambon.matteo?fref=ts",
 "http://it.linkedin.com/in/zambonmatteo",
 "https://twitter.com/zambros_it",
 "https://plus.google.com/+MatteoZambon"
 ]

}
 </script>

Se invece il tuo sito è riferito a una persona e non a un’organizzazione, basterà cambiare il type all’interno del codice.:

<script type="application/ld+json">
 {
 "@context" : "http://schema.org",
 "@type" : "Person",
 "name" : "Matteo Zambon",
 "url": "http://www.demo.tagmanageritalia.it/esempio/",
 "sameAs" : [
 "https://www.facebook.com/zambon.matteo?fref=ts",
 "http://it.linkedin.com/in/zambonmatteo",
 "https://twitter.com/zambros_it",
 "https://plus.google.com/+MatteoZambon"
 ]
 }
 </script>


 

2) GESTIONE DELLA SEARCH BOX

La Search Box è una barra di ricerca che compare in SERP sotto alcuni siti e serve per fare delle ricerche interne al sito stesso. Anche questa è gestibile con Google Tag Manager e JSON-LD con Tag HTML Personalizzato.

(Ricorda sempre che noi possiamo implementare la Search Box, ma sarà poi Google a decidere se farla comparire o no in base ai suoi algoritmi, quindi se non la vedi spuntare poi non te la prendere con me 😀 )

search-box-esempio

  • Sezione Tag > Nuovo Tag > Tag HTML Personalizzato.
  • Copia incolla lo script.
  • Attiva su: All Pages.
  • Nominiamolo ad esempio “cHTML – Search Box”.
  • Salva.

search-box-google-tag-manager

Questo è lo script che devi incollare:

<script type="application/ld+json">
 {
 "@context": "http://schema.org",
 "@type": "WebSite",
 "url": "http://demo.tagmanageritalia.it/esempio/",
 "potentialAction": {
 "@type": "SearchAction",
 "target": "http://demo.tagmanageritalia.it/esempio/?s={search_term}",
 "query-input": "required name=search_term" }
 }
 </script>

Come al solito andiamo prima di pubblicare il Tag verifichiamo che nella modalità Anteprima compaia fra i Tags Fired On This Page:

search-box-google-tag-manager-anteprima

 

3) GESTIONE DEI BREADCRUMBS

Anche i Breadcrumbs visibili in SERP possono essere gestiti con Google Tag Manager.

breadcrumbs-esempio

Ecco come:

  • Sezione Tag > Nuovo Tag > Tag HTML Personalizzato.
  • Copia incolla lo script.
  • Attiva su: All Pages.
  • Nominiamolo ad esempio “cHTML – Breadcrumbs”.
  • Salva.

breadcrumbs-google-tag-manager

Il codice che devi incollare è questo:

<script type="application/ld+json">
 {
 "@context": "http://schema.org",
 "@type": "BreadcrumbList",
 "itemListElement": [{
 "@type": "ListItem",
 "position": 1,
 "item": {
 "@id": "http://demo.tagmanageritalia.it/esempio/arts",
 "name": "Arts"
 }
 },{
 "@type": "ListItem",
 "position": 2,
 "item": {
 "@id": "http://demo.tagmanageritalia.it/esempio/arts/books",
 "name": "Books"
 }
 },{
 "@type": "ListItem",
 "position": 3,
 "item": {
 "@id": "http://demo.tagmanageritalia.it/esempio/arts/books/poetry",
 "name": "Poetry"
 }
 }]
 }
 </script>

Verifichiamo con la funzione Anteprima:

breadcrumbs-google-tag-manager-anteprima

 

4) GESTIONE DELLE REVIEW

Le review sono le recensioni che è possibile vedere in SERP sotto alcuni siti. Possono avere formati diversi come le stelline, le percentuali, il punteggio da 1 a 10, ecc.). Anche queste sono gestibili con Google Tag Manager tramite Tag HTML personalizzato.

review-seo-esempio

  • Sezione Tag > Nuovo Tag > Tag HTML Personalizzato.
  • Copia incolla lo script.
  • Attiva su: All Pages.
  • Nominiamolo ad esempio “cHTML – Review”..
  • Salva

review-seo-google-tag-manager

<script type="application/ld+json">
 {
 "@context": "http://schema.org/",
 "@type": "Product",
 "image": "http://www.example.com/catcher-in-the-rye-book-cover.jpg",
 "name": "The Catcher in the Rye",
 "review": {
 "@type": "Review",
 "reviewRating": {
 "@type": "Rating",
 "ratingValue": "5"
 },
 "name": "A masterpiece of literature",
 "author": {
 "@type": "Person",
 "name": "John Doe"
 },
 "datePublished": "2006-05-04",
 "reviewBody": "I really enjoyed this book. It captures the essential challenge people face as they try make sense of their lives and grow to adulthood.",
 "publisher": {
 "@type": "Organization",
 "name": "Washington Times"
 }
 }
 }
 </script>

Ancora una volta verifichiamo che nella modalità Anteprima il Tag compaia fra i Tags fired on this page:

review-seo-google-tag-manager-anteprima
Come spesso capita, ogni pagina può avere prodotti diversi e quindi aver bisogno di review diverse. In questo caso le review andranno gestite con le variabili di Google Tag Manager.

Pensa ad esempio alle recensioni su singole pagine fatte dagli utenti. Immagina di poter utilizzare quei dati per creare i rich snippet.

Fantastico, no?

 

ATTRIBUTI HTML 5

Google Tag Manager può aiutarti a modificare gli attributi HTML5, e questo può venirti in soccorso anche nella SEO.

Ma cosa sono gli Attributi HTML 5? Sono attributi inseriti all’interno degli elementi HTML che danno delle informazioni in più.

In GTM li puoi gestire con la variabile di tipo Elemento DOM se vuoi estrapolare i valori da un elemento HTML statico, oppure puoi farlo con gtm.element.dataset.[data-attribute], dove [data-attribute] è il nome specifico dell’attributo nel caso tu debba analizzare elementi dinamici (come ad esempio il click su elementi).

Questi attributi possono essere utilizzati per passare o gestire dati ed informazioni in Google Analytics.

Ecco un esempio (preso dalla guida di Mozilla):

<article
 id="electriccars"
 data-columns="3"
 data-index-number="12314"
 data-parent="cars">
 ...
 </article>

Tieni presente che siamo noi a decidere queste informazioni aggiuntive degli elementi HTML.

Ecco come deve essere configurata la variabile in GTM:

attributi html 5 e google tag manager

 

Potresti anche utilizzare Javascript per leggere gli attributi, usando document.getElementById.

Ad esempio:

var article = document.getElementById('electriccars');

article.dataset.columns // "3"
 article.dataset.indexNumber // "12314"
 article.dataset.parent // "cars"


 

CAMBIARE TITLE DELLE PAGINE SENZA TOCCARE IL CODICE

Non finisce qua, perché Google Tag Manager ti può aiutare a modificare Meta Title, Meta Description e persino i contenuti del sito.

Ti faccio vedere ad esempio come modificare il Title.

Il titolo della pagina tra le altre cose lo puoi prelevare con un semplice Javascript:

titolo pagina SEO e google tag manager

Grazie a un Tag HTML personalizzato, è possibile prendere il document.title e modificarne il valore sulla pagina che ti interessa. Insomma andiamo a variare con Javascript il titolo della pagina, in questo modo:

  • Crea un nuovo Tag HTML Personalizzato
  • Incolla questo script:
<script>

document.title = "Il mio nuovo titolo di pagina ottimizzato ";

</script>

 

  • Attivalo nella pagina in cui vuoi cambiare il meta title

cambiare il titolo pagina SEO e google tag manager

A questo punto non ti resta che attendere che il Crawler di Google passi, scansioni ed esegua il rendering e il gioco è fatto 🙂

PS: Queste tecniche di modifica title, description ecc… dovrebbero essere usate come Workaround se non hai davvero altra soluzione!

PPS: se ti serve anche per altri scopi, il titolo della pagina lo puoi prelevare con un semplice Javascript:

titolo pagina SEO e google tag manager

E se ancora non ne hai abbastanza, ti lascio i link ad altre mie guide che potrebbero interessarti:

Ricordati che per rendere effettive le modifiche devi pubblicare il tutto cliccando sul pulsante blu “Invia” 😉

Ti è stato utile l’articolo? Vorresti aggiungere qualcosa? Lasciami un commento qui sotto 🙂

LINK UTILI:

 

Condividi anche tu Google Tag Manager!
  • Reply

    Daniele Pignone Pignasmile

    22 10 2018

    Ciao Matteo,
    ho appena provato ad inserire i dati strutturati sul mio sito web.
    Ho individuato tre tipi di markup che potevo utilizzare, ho quindi optato per tre tag diversi. Credi che questo possa essere un problema?

    Grazie

    • Matteo Zambon

      23 10 2018

      Ciao Daniele, in realtà se sono applicati nella stessa pagina ti consiglio di usare un unico Tag, se invece sono attivati su pagine diverse vai di tre tag distinti 🙂

      Fammi sapere!

  • Reply

    Ivan

    12 10 2018

    Ciao Matteo.
    Molto interessante l’articolo e sicuramente utile.
    Sto iniziando ora ad usare tag manager e mi chiedevo se è possibile utilizzarlo in due maniere:
    1 – modificare/inserire tag h1 e h2 senza apportare modifiche visibili a livello grafico.
    2 – inserire markup json specifici solo in una singola pagina

    • Matteo Zambon

      15 10 2018

      Ciao assolutamente sì. Chiaro che la premessa è: se la fai via codice e non via GTM Google è più contento, ma è possibile farlo. Per il json-ld è lo stesso google che lo consiglia 🙂

      Dacci dentro Ivan!

  • Reply

    raffaele Garda

    28 09 2018

    Scusa la domanda banale ma i punti “Breadcrumbs” e “Reviews” vanno solo copiati e incollati gli script o devono essere personalizzati?

    • Matteo Zambon

      02 10 2018

      Ciao Raffaele, dovranno essere personalizzati a seconda della struttura del tuo sito e delle review dei tuoi prodotti 🙂

  • Reply

    Matteo

    07 08 2018

    Ciao Matteo, per caso è cambiato qualcosa nell’implementazione rispetto all’ultimo aggiornamento della guida? Ho provato a seguire le tue istruzioni ma anche se il tag viene attivato non inietta nessun codice nella pagina.

    Grazie ciao

    • Matteo Zambon

      07 08 2018

      Se intendi il tools di Google ti confermo che non è più in grado di rilevare il rendering fatto da GTM. Ma è solo un problema del tools di Google.
      Ti consiglio di incollare sul tools la versione del rendering e non DOM.
      PS: Questa cosa l’ho spiegata molto bene in un video del Club, puoi usare il pass di 60 giorni per darci un’occhiata registrandoti qui: https://club.tagmanageritalia.it/registrazione-club-tag-manager-italia/

  • Reply

    Gianni

    11 06 2018

    Ciao Matteo,
    con GTM è possibile intervenire sull’elemento e modificarlo ad esempio aggiungendoci lang ?
    Grazie

  • Reply

    Fulvio

    28 05 2018

    Ciao Matteo,
    Grazie per l’articolo molto utile.
    Ho installato i dati strutturali per un sito qualche mese fa ed è andato tutto bene anche con lo strumento di testing.
    Oggi ho ho eseguito lo stesso per un altro sito ed andando sullo strumento di testing di google non me lo rileva.
    Ho fatto il testing anche per il sito precedente e non me lo rileva più.
    premetto che in modalità provvisoria, entrambi i siti i tag sono visibili.
    E’ cambiato qualcosa?
    Grazie

    • Matteo Zambon

      28 05 2018

      Ciao Fulvio, è da 3 giorni che lo strumento di test non rileva più modifiche da rendering. A mio avviso è un bug sullo strumento. Ti consiglio di usare la rotellina e inviargli un feedback anche tu di questa anomalia.

      Ne abbiamo discusso all’interno del gruppo di Facebook “Fatti di Tag Manager” (ti consiglio di iscriverti!).

      A presto!

      Matteo

    • Fulvio

      28 05 2018

      Grazie Matteo per la celere risposta.
      Si, sono iscritto al gruppo su facebook.
      Il fatto è che non lo vedo iniettato nell’html dei rispettivi siti, neanche nel primo dove qualche mese fa era vivo e vegeto
      Vado a vedere su facebook.
      Grazie ancora
      a presto
      Fulvio

    • Matteo Zambon

      28 05 2018

      Se guardi da ispeziona elemento, non trovi la modifica in pagina?

    • Fulvio

      28 05 2018

      Scusa, adesso li vedo.. ero fuori ufficio e da mobile diventa complicato.
      Grazie Matteo

    • Matteo Zambon

      28 05 2018

      Di nulla 🙂 Comunque a mio avviso è un bug del tool di rich snippet.

      Segnalalo anche tu così lo sistemano 😉

  • Reply

    Fabrizio

    20 04 2018

    salve Matteo, vorrei inserire uno script per la chat di zendesk sul mio sito ma lo script deve cambiare in base alla lingua del sito scelta.

    Vorrei pertanto creare da GTM un tag che legga prima il dove xx sta per it, en o fr. In base alla lingua caricata il tag dovrà applicare lo script di zendesk. Come posso fare?

    • Matteo Zambon

      20 04 2018

      Con una variabile di tipo tabella di ricerca in base al parametro in lingua (che immagino sia un URL o un cookie). 🙂

  • Reply

    Antonino

    17 04 2018

    Ciao Matteo,

    vorrei inserire uno snippet per far apparire la valutazione del mio sito web, credi che questo tag possa bastare ?

    {
    “review”: {
    “@type”: “Review”,
    “reviewRating”: {
    “@type”: “Rating”,
    “ratingValue”: “4,4”,
    “bestRating”: “5”
    }
    }
    }

    Ma il vero dubbio è, potrei inserire qualsiasi punteggio senza nessun controllo da Google ? 😅

    Grazie!

    • Matteo Zambon

      18 04 2018

      Ciao Antonino, se il validatore degli snippet di Google non ti segnala errori allora sì.

      Alla tua seconda domande la risposta è che puoi mettere quello che vuoi, ma ovviamente starà a Google decidere se mostrarli o meno 🙂 L’ho spiegato all’Advanced SEO Tools del 2016 e lo spiegherò al SeriousMonkey di Enrico Altavilla il mese prossimo 😉

  • Reply

    Ciro

    21 02 2018

    Ciao Matteo, ancora complimenti🙂,
    1)GESTIONE DEL KNOWLEDGE GRAPH
    Bisogna creare differenti tag per il codice: logo, contatti e social?
    Grazie e scusami per l’eventuale domanda…🙄

    • Matteo Zambon

      21 02 2018

      Ciao Ciro 🙂

      No, puoi creare anche un unico Tag con tutto il JSON all’interno 😉

      A presto!

  • Reply

    Giuseppe

    05 02 2018

    Ciao Matteo, complimenti per il bel sito e gli ottimi articoli. C’è una cosa che non ho ben capito e che credo sia molto utile: in che modo usare il datalayer e le variabili per gestire i dati strutturati in modo dinamico? Sulla rete ho trovato questo video in lingua inglese (https://www.youtube.com/watch?v=i8P-B5aa5E0) che spiega abbastanza bene come fare, ma è molto nebuloso sul datalayer. Quello che non capisco è se Google Tag Manager ha un datalayer incorporato o se devo scriverlo e inserirlo io stesso. Da quel che ho capito la seconda. Ho letto le tue guide e il glossario sul datalayer ma comunque non mi è ben chiaro cosa fare. Ad esempio per quanto riguarda la sezione blog di un sito, come fare un tag con script JSON che, grazie a delle variabili, possa in maniera dinamica capire per ogni articolo dati come titolo, immagine, autore etc… Dove trovo o come creo il datalayer in modo da poter creare le variabili e il tag?

    • Matteo Zambon

      05 02 2018

      Ciao Giuseppe la risposta ahimè non è corta. Ne ho parlato nel lontano 2016 all’Advanced SEO Tools. Ho fatto un video ad hoc all’interno del Club Tag Manager Italia dove spiego esattamente alcune dinamiche.
      Il concetto è usare le variabili presenti nel datalayer e passare quei dati al JSON-LD. In sostanza fai un push (https://www.tagmanageritalia.it/guida-base-fare-un-push-event-per-creare-eventi-personalizzati-in-google-tag-manager/) con i valori che ti interessano, li prendo con una variabile e boom! Li metti nell’HTML personalizzato JSON-LD.

      Fammi sapere!

      PS: Ti consiglio di valutare l’entrata nel Club Tag Manager Italia 😉

  • Reply

    Matteo

    12 12 2017

    Ciao Matteo,
    grazie per le guide! È possibile “mostrare” le review e/o i rating di Google e Facebook? In caso sia possibile come potrei fare?
    Grazie ancora

    • Matteo Zambon

      12 12 2017

      Ciao Matteo,

      in questa guida, nella quarta parte, troverai lo snippet di codice da installare su GTM per gestire le review. Poi da lì puoi gestire le singole review con delle Variabili specifiche 🙂

  • Reply

    Giuseppe

    08 12 2017

    Ciao Matteo,
    questo articolo apre un mondo…ho inserito Schema.org tramite GTM, ma ho notato una cosa: nello strumento di test per i dati strutturati di Google le informazioni risultano corrette e presenti, mentre se analizzo la sorgente pagina non vi è alcuna traccia del codice inserito. E’ normale? Praticamente l’inserimento viene percepito lo stesso anche se non visibile nel sorgente pagina?
    Ti ringrazio per il supporto.

    • Matteo Zambon

      08 12 2017

      Ciao Giuseppe, sapessi quanti mondi mi ha aperto 😀
      La risposta è sì. Se guardi il source non vedrai niente, ma se guardi con strumenti per gli sviluppatori (F12 su Chrome per capirci) vedrai che il codice c’è perché viene iniettato da Google Tag Manager. All’interno del Club Tag Manager Italia spiego anche nel dettaglio il meccanismo di Google Tag Manager (se vuoi maggiori informazioni per entrare nel Club fammelo sapere).

      A presto!

  • Reply

    Giampietr

    08 11 2017

    Ciao Matteo,
    bella guida grazie.

    Mi chiedevo ieri sera ma che sia possibile caricare file js o CSS da GTM? In questo modo verrebbero processati e ottimizzati da Google e potrebbero rendere migliori le performance lato velocità di navigazione, che ne pensi?

    Grazie 🙂
    g.

    • Matteo Zambon

      10 11 2017

      Ciao Giampietro,

      sì, puoi caricare questo tipo di file ma non è detto che la performance venga migliorata, dipende da varie cose 🙂

  • Reply

    Bob

    18 09 2017

    Ciao, se inserisco lo stesso codice per il TAG manager su un sito tipo http://www.sito.it e in due suoi sottodomini sottositoa.sito.it e sottositob.sito.it, E’ possibile in questa maniera tracciare il traffico analytics come se i 3 siti fossero considerati uno unico?

    • Matteo Zambon

      18 09 2017

      Ciao Bob sì, devi configurare il cross domain o interdominio (trovi una guida nel mio sito).

      A presto!

  • Reply

    Federico

    28 08 2017

    Ciao Matteo, complimenti per queste pagine che mi hanno avvicinato a GTM e fatto appassionare. Il libro è stato molto utile. Sono molto alle prime armi ed ho incontrato qualche problema banale. Alcuni TAG mi funzionano, link esterni, interni, ma per esempio il download dei PDF, compilato come hai suggerito, non da segnali nell’anteprima e non restituisce dati. Da cosa potrebbe dipendere? Sono pochi i parametri interessati, ma il report dei triggers continua a dare errore (crocetta rossa)…cosa si può fare? Grazie

    • Matteo Zambon

      28 08 2017

      Ciao Federico e grazie per i complimenti 🙂

      Tutto dipende dall’attivatore che con molta probabilità non corrisponde al semplice click di un link, ma è un click su un altro elemento. Ti consiglio di provare come click “Tutti gli elementi”.

      Fammi sapere!

  • Reply

    Mirko

    27 08 2017

    Ciao Matteo,
    grazie per l’ottima guida.

    Per quanto riguarda i Breadcrumbs, invece che specificare manualmente “@id” e “name” di ogni item,
    esiste un modo per farli caricare automaticamente con un bel codice javascript che prende il nome categoria e URL completo direttamente da WordPress?

    Pensavo di creare una variabile che utilizzi il nome della categoria disponibile nel dataLayer e un altra con l’indirizzo nel Page URL, ma ho impostato il permalink su WP come “nome articolo” nudo senza categoria tipo nomesito.com/nome-articolo.
    Ci vorrebbe un modo per recuperare quell’URL completo con i vari livelli gerarchici di categoria associati all’articolo.

    grazie in anticipo per la risposta

    • Matteo Zambon

      28 08 2017

      Ciao Mirko, nell’esempio ho impostato dei valori fissi, ma ovviamente l’utilità vera sta nell’usare variabili che possono essere: Javascript prendendo valori come suggerisci tu, oppure livello di dati presi dal dataLayer o ancora URL.
      Come pensavi tu va benissimo e il modo per recuperare l’URL completo lo puoi fare con la variabile di tipo URL oppure con JS (puoi usare anche regular expressions).

      A presto!

  • Reply

    Giuseppe

    17 08 2017

    Buongiorno Matteo,
    grazie per questo tutorial molto utile.

    Ritieni sia possibile generare Title Tag e Meta Description automatizzati?

    Ad esempio in un e-commerce generare automaticamente il Title in modo che sia: Nome Prodotto | Brand E-commerce.

    Grazie e buona giornata.

    • Matteo Zambon

      22 08 2017

      Ciao Giuseppe! Assolutamente sì, è possibile gestire tutto dinamicamente, anzi è esattamente questa la cosa bellissima 🙂

    • Gianluca

      19 03 2018

      Come si potrebbe fare Matteo ?
      Dimmi che hai fatto una guida anche per questo!
      PS mi riferivo a questo il primo commento è sbagliato 🙁

    • Matteo Zambon

      20 03 2018

      Ciao Gianluca, ti basta gestirlo con delle variabili et voilà! Il gioco è fatto!

      PS: Ne parlerò all’evento di Enrico Altavilla “Seriuos Monkey” a Maggio 😉

  • Reply

    Paolo

    22 06 2017

    Ciao Matteo, tempo fa ho provato a sperimentare il cambio di title e description via Tag Manager… I comandi vengono eseguiti correttamente, ma forzando l’indicizzazione della pagina cavia purtroppo non ho ottenuto i risultati sperati.
    Il buon Simo aveva scritto tempo fa un articolo a riguardo – esperimento riuscito solo su pagine con pochissime istruzioni javascript.
    Tu hai avuto esperienze più “felici”?
    Ciao!

    • Matteo Zambon

      26 06 2017

      Ciao Paolo, dunque tieni presente che googlebot deve eseguire il javscript e quindi fare anche il rendering della pagina. Se la tua pagina non pesa troppo e non ci sono problemi di Crawl Budget, allora dovrebbe comparire.

      Non ti nego che essendo comunque borderline l’indicizzazione ci mette un po’ ma funziona (almeno nei casi con cui ho avuto a che fare).

      A presto!

  • Reply

    Ilario Gobbi

    21 06 2017

    Che bella guida approfondita, me la metto da parte per studiarla approfonditamente per capire di più tutte le impostazione di Google Tag Manager, grazie per il contributo!

    • Matteo Zambon

      21 06 2017

      Di nulla Ilario 🙂
      A presto!

  • Reply

    Jonathan

    21 06 2017

    Articolo veramente molto interessante!
    Ma non ho capito una cosa (al momento sono ancora beginner con GTM): da dove prendi i dati per realizzare ad esempio le breadcrumbs o le review?
    Perché messa così sembra che dovrei scrivere codice personalizzato per ogni pagina! :ò

    • Matteo Zambon

      21 06 2017

      Ciao Jonathan (bel nome ragazzo!),
      la cosa ottimale è estrapolarli in modo dinamico dalla pagina o da qualche variabile nel datalayer, altrimenti sì, dovresti metterli statici a mano (no goood).

      🙂

Hai ancora qualche dubbio?
Chiedi pure qui sotto, sarò pronto a risponderti!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.