PPC, Monitoraggio Conversioni AdWords, Facebook e Bing con Google Tag Manager

Google Tag Manager è un grande alleato di chi si occupa di Online Advertising ma non ha abbastanza conoscenza di programmazione per poter installare il monitoraggio delle conversioni di strumenti come Google AdWords, Facebook Ads o Bing.

Oppure semplicemente non hai l’accesso al codice del sito e quindi ogni volta che devi installare gli snippet devi chiedere al programmatore o al reparto IT di farlo al posto tuo… con conseguente perdita di tempo e – a volte – anche errori, che alla lunga fanno soltanto perdere ancora più tempo.

Risultato? La campagna è già iniziata da un pezzo e tu non stai ancora monitorando le tue conversioni! :O

Google Tag Manager può aiutarti a risolvere proprio questo problema. Ti basterà chiedere una e una volta soltanto al programmatore (o chi per lui) di installare GTM sul sito, dopodiché il gioco è fatto: mai più perdite di tempo, mai più delegare. Potrai gestire tutto tu in modo indipendente, facile e veloce (se poi segui le mie guide, sarà tutto ancora più facile e veloce, promesso :) ).

E quindi? Cosa posso fare con Google Tag Manager se mi occupo di PPC?

Tante (ma tante) bellissime cose. Qua in basso trovi tutte le mie guide sull’argomento, ma giusto per darti un assaggio, ecco alcune delle cose più fiche che puoi fare per iniziare:

  • Installare il Codice di Monitoraggio di Google AdWords
  • Installare anche il Remarketing di Google AdWords
  • Installare e gestire il Pixel di Facebook
  • Implementare il codice di Bing UET

E molto altro! Ho preparato per te anche dei glossari dove ti spiego meglio alcuni termini, nel caso non li conoscessi o volessi semplicemente approfondirli.

Bene! Ma sei ancora qua a leggere questa introduzione?
Vai subito a leggere le guide, cosa aspetti! :)

Dunque, fammi indovinare. Sei andato nella sezione dedicata al Pixel di Facebook e hai visto tantissime azioni che hai tracciato, come ad esempio Lead e AddToCart, e ti senti soddisfatto. Mitico. Però quando guardi nel dettaglio ti accorgi di una brutta cosa. Una parte (a volte una GRAN PARTE) delle azioni proviene da un dominio mooooolto strano: gtm-msr.appspot.com. Panico. Che diavolo è il dominio gtm-msr.appspot.com? Ovviamente dubito che sia un

Potrei spiegare cos’è Criteo in una manciata di parole: Criteo è un servizio di retargeting. In altre parole è un servizio che ti permette di inseguire l’utente anche Cross-device (ovvero riesce a riconoscere lo stesso utente arrivato prima da mobile, poi da tablet e magari alla fine da PC). Insomma riesce a controllare in modo un po’ più preciso sistemi monotematici come il Remarketing di Google AdWords o Pixel di Facebook.

Di solito su Tag Manager Italia affronto argomenti molto tecnici. Ogni tanto però ci tocca parlare in gergo “markettaro” 😀 anche questo è utile! 😉 Stavolta ti spiego cosa è la Brand Awareness. Nessuno ha ancora capito come si pronunci esattamente Awareness (auorness? auerness? Se tu lo sai, lasciami una nota audio fra i commenti, grazie 😀 ). Ma al di là della pronuncia cerchiamo di capire esattamente di cosa

Che cos’è una campagna Display? Diciamo che le campagne Display possono essere considerate come la versione online della cartellonistica tradizionale ma con una marcia in più, visto che puoi rivolgerti a un audience specifico 🙂 Questo tipo di campagne, rispetto ad esempio a quelle della Rete di Ricerca, sono molto utili in una fase di stimolazione della Brand Awareness. Questo vuol dire che, se ancora non c’è una consapevolezza del

Sì, lo so, tutti questi acronimi ti fanno venire il mal di mare 🙂 Non preoccuparti: ti spiego cos’è il CPA. CPA sta per Costo per Acquisizione. Sai cosa è un’acquisizione? Ti do un aiutino… parliamo di acquisizione di clienti, quindi non è altro che la Conversione 🙂 In pratica queste tre letterine rispondono a una domanda: considerato quello che abbiamo speso per le nostre campagne online, quanto ci è

BOOM! Notizie bomba in vista! Ieri (23 maggio 2017) si è tenuto a San Francisco il Google Marketing Next, super evento annuale sull’innovazione in campo di Digital Advertising, Analytics e Double Click. Le novità sono state non succose ma SUCCOSISSIME, quindi vediamole una per una:   Mobile Anche se ad oggi la maggior parte degli acquisti continua ad essere offline, il ruolo del mobile è sempre più rilevante. Embè scusa,

Facciamo un gioco. Chiudi gli occhi e immagina un mondo ideale in cui l’utente vede il tuo prodotto, se ne innamora alla follia a prima vista e lo compra subito. Ora riaprili. Ciao amico, bentornato nel mondo reale 😀 Sì, perché la faccenda in realtà è un pochetto più complicata.   Il processo d’acquisto può essere anche molto lungo e complesso. Il consumatore attraversa vari stadi: viene a conoscenza del

Ormai internet è piena zeppa di acronimi. CPC, PPC, CTA, CTR, CPA…. argh! Con tutti questi acronimi diventiamo pazzi. Ad esempio, che cosa vuol dire CPC? Altolà, te lo spiego io 🙂 CPC vuol dire banalmente “Cost per Click” (Costo per Click in italiano). Non è nient’altro che la cifra effettivamente spesa per ogni click nelle Campagne Pay-per-Click (PPC).   Aaaaahhh… ma era tutta qua la faccenda?   No, aspetta,

Mi fai impression! No, non è un insulto 🙂 Semmai – se lavori nella pubblicità online – potrebbe essere un augurio 😀 ti auguro di fare tantissima impression! La guida ufficiale di Google Adwords definisce le Impression come “La frequenza di pubblicazione dell’annuncio“. Possiamo parlare di Impression non soltanto in ambito Google AdWords o Bing Ads, ma nella pubblicità sul web in generale, annuncio testuale, banner o sponsorizzazioni sui social.

Ti è mai capitato di avere una landing page molto visitata che non converte bene? Un annuncio AdWords con tante impression che non riceve abbastanza click? Hai mai pensato che il motivo potrebbe essere che la tua Call-to-Action non è abbastanza efficace?   Cosa? Non sai cosa è una Call-To-Action?   Call-to Action (CTA) in italiano vuol dire “invito all’azione”. È una frase che “incita” l’utente a compiere un’azione ben