Se hai letto il mio precedente articolo, saprai quanto la formazione sia importante per governare al meglio il passaggio dal Google Analytics tradizionale a Google Analytics 4.

In altre parole, prima di lanciarti in checklist e azioni pratiche per realizzare la transizione tra le due versioni, devi prendere familiarità con GA4 e capire quali sono le sue regole di funzionamento.

Mi riferisco in particolare al Data Model di GA4, ovvero la struttura con cui vengono organizzati i dati che vengono tracciati; questa struttura determina come i dati raccolti verranno in seguito visualizzati e analizzati all’interno della piattaforma.

Conoscere il Data Model e il suo funzionamento è un requisito essenziale per utilizzare GA4 e per sfruttare le sue potenti funzionalità di tracciamento.

Immagina che il Data Model del tuo Google Analytics 4 sia un’enorme scrivania, sopra la quale hai catalogato e archiviato in appositi spazi e cassetti il tuo materiale di lavoro (penne, blocchi degli appunti, post-it, ecc.).

Per organizzare meglio il tuo lavoro potresti raggruppare tutti gli oggetti sulla tua scrivania per colore (tutte le penne, gli evidenziatori e i post-it di colore blu), o per categoria (tutti i block notes, tutte le penne o tutte le graffette, ecc.). 

In questo caso, gli oggetti posizionati sopra la tua scrivania sono i dati che raccogli, e il modo in cui sono organizzati questi oggetti è il Data Model.

Ecco perché se sai dove sono collocati gli oggetti (i dati) e come vengono raggruppati sulla tua scrivania (il tuo GA4), sarai molto più preciso ed efficace nel tuo lavoro 🙂

Oggi approfondiamo proprio lui: il funzionamento del Data Model in GA4 e la differenza rispetto al Data Model del “vecchio” Google Universal Analytics.

Sei pronto? Iniziamo! 🙂

 

Il Data Model di Google Universal Analytics (GA3)

Come forse saprai, il Data Model di Universal Analytics era basato sulle sessioni, ossia gruppi di interazioni che gli utenti compiono in un determinato periodo di tempo quando visitano il tuo sito web (il cosiddetto modello di dati session centric).

All’interno di una sessione, Universal Analytics tracciava e misurava come gli utenti interagivano con un sito web e quali azioni compivano al suo interno (ad esempio gli acquisti, le visualizzazioni di pagina, ecc.).

Tuttavia, per sapere esattamente quali erano le azioni che gli utenti compivano sul sito web durante una sessione era necessario implementare degli eventi di tracciamento aggiuntivi (come ad esempio i click su un video, o lo scroll di una pagina, ecc.).

Ricordi la metafora della scrivania che abbiamo visto poco fa?

È come dire che con il Data Model session centric di GA3 potevi scegliere come raggruppare e archiviare i vari oggetti sulla tua scrivania, ma potevi utilizzare soltanto i cassetti che la scrivania ha in dotazione.

Invece, in GA4 gestire e organizzare i dati che tracci diventa molto più semplice, preciso e personalizzabile 🙂

Data Model Google Universal Analytics

Il Data Model di Google Universal Analytics (GA3) | Immagine tratta da www.seerinteractive.com

 

Il Data Model di Google Analytics 4

Al contrario, in GA4 qualsiasi interazione che un utente compie sul tuo sito web può essere catturata sotto forma di evento (ossia, il tracciamento del comportamento degli utenti sul tuo sito web).

In altre parole, il Data Model event centric di GA4 ti permette di raccogliere più informazioni sul reale comportamento dei visitatori del tuo sito (ad esempio, il titolo della pagina visitata, il valore di un eventuale acquisto, ecc.).

Questo perché in GA4 hai a disposizione non solo un numero maggiore di eventi di tracciamento che puoi implementare, ma anche un numero maggiore di parametri che puoi utilizzare.

(Come ricorderai, i parametri sono dei valori che aggiungono informazioni alle azioni che tracci sul sito web).

Ecco perché uno dei grandi vantaggi del Data Model di GA4 è proprio quello di poter personalizzare gli eventi di tracciamento che intendi implementare in base ai tuoi obiettivi di business.

Ad esempio, se il tuo obiettivo di business è vendere 1.000 unità di un prodotto nel tuo e-commerce, allora potrai non solo tracciare quando un utente visualizza la pagina carrello (view_cart), ma anche la categoria del prodotto (item_category) e il suo prezzo (value).

Esempio evento tracciamento Google Analytics 4 e-commerce

 

Utilizzando GA4,  il report che avrai a disposizione sulle specifiche azioni compiute da un singolo utente sarà molto più dettagliato e completo rispetto al report che avresti ottenuto in GA3.

Quindi, grazie a questa migliore qualità dei dati che raccogli, sarai in grado di poter prendere delle decisioni di marketing più consapevoli.

Tornando alla metafora della nostra scrivania, con il Data Model event centric di GA4 sei tu a scegliere in libertà quali scomparti della scrivania utilizzare e come organizzare (e riorganizzare) gli oggetti al loro interno.

Data Model Google Analytics 4

I Data Model di Google Universal Analytics (a sinistra) e di Google Analytics 4 (a destra) | Immagine tratta da www.seerinteractive.com

 

Hai domande o dubbi sul funzionamento del Data Model di Google Analytics 4?

Ti aspetto nei commenti qui sotto 🙂 

 

A presto e… buon Tag!

 

Scopri di più sul programma del corso su Google Analytics 4 "FATTI IN QUATTRO"

Richiedi una consulenza su Google Analytics 4

 

Condividi anche tu Google Tag Manager!

Hai ancora qualche dubbio?
Chiedi pure qui sotto, sarò pronto a risponderti!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.