I Modelli di attribuzione sono delle regole che determinano a quale canale è assegnata una conversione.

Puoi assegnare i seguenti Modelli di attribuzione alle conversioni:

  • Ultima interazione
  • Ultimo click non diretto
  • Ultimo click AdWords
  • Prima interazione
  • Decadimento temporale
  • In base alla posizione

Puoi accedere allo “Strumento confronto modelli” in Google Analytics, in Conversioni > Attribuzione > Strumento confronto modelli.

Supponiamo ad esempio che un utente visualizzi un annuncio AdWords riguardo il tuo servizio, ci clicchi ed entri nel tuo sito senza però effettuare una conversione (visita a pagamento).
Torna nuovamente dopo qualche giorno, scrivendo il nome del tuo sito su Google e cliccando su uno dei risultati della SERP, si tratta quindi di una visita organica.
Lo stesso utente torna qualche giorno dopo ma scrivendo direttamente l’URL del tuo sito web, anche questa volta non converte (visita diretta).

  • Con il modello di attribuzione all’ultima interazione la conversione verrebbe attribuita al 100% al canale diretto.
  • Con il modello di attribuzione ultimo click non diretto la conversione verrebbe attribuita al canale organico, cioè l’ultimo prima della canale diretto.
  • Con il modello di attribuzione ultimo click AdWords la conversione viene attribuita all’ultimo click di AdWords ricevuto. Nel nostro esempio ce n’è solo uno ma, nel caso l’utente fosse arrivato per due volte tramite la ricerca a pagamento, la conversione verrebbe attribuita interamente all’ultima.
  • Con il modello di attribuzione alla prima interazione la conversione verrebbe attribuita al canale a pagamento.
  • Con il modello di attribuzione lineare la conversione verrebbe attribuita per il 33% al canale a pagamento, per il 33% al canale organico e per il 33% al canale diretto.
  • Il modello di attribuzione decadimento temporale prende in considerazione la differenza di tempo tra la visita dell’utente attraverso un determinato canale e la conversione finale. Verrà data una percentuale di attribuzione maggiore al canale che ha portato l’utente al sito qualche ora prima della conversione, piuttosto che il canale che ha portato l’utente al sito qualche settimana prima della conversione stessa.
  • Con il modello di attribuzione in base alla posizione viene attribuito il 40% al primo canale, il 40% all’ultimo ed il restante 20% ai canali intermedi. Nel nostro esempio: 40% al canale a pagamento, 40% al canale diretto e 20% al canale organico.

Senza contare poi il fatto che ci sono differenze sostanziali nei metodi di attribuzione fra i vari strumenti di monitoraggio. Ecco ad esempio Google AdWords e Google Analytics a confronto:

metodo-attribuzione-confronto-adwords-analytics

Ecco perché spesso i dati sulle due piattaforme non coincidono.

Link Utili

Filippo Trocca, Top Contributor della community degli inserzionisti di Google, ha approfondito i modelli di attribuzioni in questo articolo:
https://www.it.advertisercommunity.com/t5/Tutorial-Google-Analytics/I-modelli-di-attribuzione-questi-sconosciuti/ba-p/44933
Best Practice di Google Adwords

 

Hai ancora qualche dubbio?
Chiedi pure qui sotto, sarò pronto a risponderti!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *