Il Bounce Rate (o frequenza di rimbalzo) è una metrica molto importante per avere informazioni sull’interesse dimostrato dagli utenti verso un sito e di conseguenza sulla qualità dei contenuti del sito stesso.

Il “semplice” Bounce Rate ha, però, alcuni limiti: considera come rimbalzo tutte le sessioni in cui l’utente abbandona il sito senza aver interagito con esso. Se un utente legge tutti i contenuti di una pagina del tuo sito, però, può essere considerato un evento molto importante per il tuo business e non sarebbe corretto classificare questa come una sessione con rimbalzo.

Proprio a questo serve l’Adjusted Bounce Rate, cioè la “Frequenza di rimbalzo adattata”. Con l’Adjusted Bounce Rate puoi definire che una sessione in cui un utente rimane per più di un determinato tempo in una pagina (es. 30 secondi) non venga considerata come una sessione con rimbalzo, anche se questo esce senza interagire con la pagina stessa.

L’Adjusted Bounce Rate ti permette quindi di avere maggiori informazioni sull’interazione, sul comportamento degli utenti in un sito e sulla pertinenza e qualità dei contenuti.

Scopri come impostare l’Adjusted Bounce Rate sul tuo sito con Google Tag Manager!

 

Hai ancora qualche dubbio?
Chiedi pure qui sotto, sarò pronto a risponderti!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *